Nonne di San Giuseppe confezionano mascherine per le scuole | Password Magazine
Festival Pergolesi

Nonne di San Giuseppe confezionano mascherine per le scuole

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Trenta nonne realizzano più di un centinaio di mascherine da destinare alle scuole. Sono le sarte di San Giuseppe, un gruppo di signore dedite al cucito e al ricamo che da 40 anni insegnano al centro estivo della parrocchia l’arte dell’ago e filo alle nuove generazioni. Insieme a loro, una ventina di giovani ed ex allieve che le affiancano nelle attività. Dalle 18 bambine dei primi corsi, nell’ultimo anno gli iscritti erano arrivati ad oltre 200:  «A causa del covid, quest’estate non abbiamo potuto però riproporre le nostre attività – spiegano le due sarte Maria Pia e Velma, a nome del gruppo – Abbiamo però deciso di non mollare e di continuare con il ricamo. Ogni giorno ci riuniamo qui, nei locali della parrocchia di San Giuseppe e cuciamo mascherine in tessuto da regalare ai bambini per quando torneranno a scuola, a settembre».

20200702_093703

In un mese, ne sono state confezionate già 150:  «Prepariamo anche dei kit per il cucito, da donare ai giovanissimi che vogliono avvicinarsi a quest’arte esercitandosi a casa – continuano le due nonne -. Un modo per insegnare ai più piccoli l’arte della manualità». Un’iniziativa che diventa anche occasione di socializzazione, inclusione e integrazione: «Accogliamo anche donne e bambine di origine straniera che attraverso queste attività stringono nuove amicizie, si avvicinano alle nostre tradizioni artigianali, si impegnano in un progetto di comunità e condivisione di valori – proseguono -. Ad esempio, a partire da oggi, istituiremo dalle 18 alle 19, negli spazi antistanti i locali della parrocchia, un banchetto per il baratto dove scambiare mascherine e creazioni in tessuto con pacchi di pasta e altro cibo da donare poi alle famiglie meno abbienti della zona».

20200702_092638

Un’iniziativa di solidarietà, dunque, in un periodo difficile: «Sono tempi duri, il covid ha tolto stabilità economica a molte persone – spiegano Maria e Vanda -. Ecco perché abbiamo deciso di dare una mano: non vogliamo soldi ma cibo da destinare a chi ha bisogno».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.