Noto professionista di Jesi ricattato dall'amante 27enne rumena: "50.000 euro o racconto tutto a tua moglie" | Password Magazine

Noto professionista di Jesi ricattato dall'amante 27enne rumena: "50.000 euro o racconto tutto a tua moglie"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un noto professionista jesino, di circa 50 anni, intratteneva una relazione una relazione extraconiugale con la badante 27enne rumena che assisteva una sua parente. La donna, P.A.M., era residente a Jesi da molto tempo, anche lei sposata. Il marito, un disoccupato 26enne, rumeno, P.I.T, con precedenti di polizia alle spalle.

La donna e il marito hanno iniziato da pochi giorni a minacciare il professionista, chiedendogli 50.000,00 euro in contanti, altrimenti avrebbero raccontato tutto alla moglie, e se ciò non fosse bastato sarebbero ricorsi a violenze fisiche nei confronti dei suoi paranti.

L’uomo, spaventato dalle minacce, soprattutto in relazione al fatto che il rumeno vantava amicizie “pericolose” con altri pregiudicati rumeni, ha deciso di denunciare il tutto. Nella mattina di ieri, l’uomo  si è rivolto ai carabinieri della Stazione di Jesi chiedendo aiuto in quanto vittima di una estorsione.

Nel pomeriggio, la coppia rumena aveva dato appuntamento al professionista per ricevere un primo acconto, incontro regolarmente avvenuto nell’abitazione ove la donna espletava le sue funzioni di badante. Il tutto è stato filmato dai carabinieri. Durante la consegna della busta con i soldi, la donna ripeteva le minacce già raccontate nella denuncia dal professionista, il tutto registrato dai carabinieri, prova inconfutabile della veridicità del racconto dell’uomo. La busta, contenente 500,00 euro in contanti, è stata recuperata dalla borsa della donna e restituita al professionista. All’incontro ha partecipato solo la donna che è stata arrestata in flagranza di reato dai carabinieri della Stazione di Jesi, guidati dal Luogotenente Fiorello Rossi, mentre il marito è stato raggiunto presso la sua abitazione e dichiarato in stato di fermo.

Entrambi i coniugi hanno confessato tutto durante l’interrogatorio.

P.I.T. è stato tradotto in carcere, mentre la moglie, P.A.M., è agli arresti domiciliari (per assistere la figlia di due anni), a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ancona.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.