Nova Aesis: alla scoperta del pittore-architetto jesino del '700 Domenico Luigi Valeri | | Password Magazine

Nova Aesis: alla scoperta del pittore-architetto jesino del ‘700 Domenico Luigi Valeri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Serata, quella di ieri 11 maggio, all’insegna del pittore-architetto jesino Domenico Luigi Valeri, vissuto tra la nostra città e Camerino, dove morì (1701-1770).

E’ stato l’appuntamento mensile del Club Nova Aesis del presidente Fabio Bertarelli e del vice Giancarlo Catani,  che stavolta hanno pensato bene di ritrovarsi con gli iscritti al museo diocesano.

E nella Sala Valeri, che prende il nome dell’artista proprio per le opere che vi sono esposte, la storica dell’arte Sara Tassi le ha sapientemente raccontate sullo sfondo del vissuto di questo geniale concittadino che, caso molto raro nella storia, ha avuto un grande successo in vita tanto da divenire ricchissimo con la pittura.

Ma di lui, come architetto, non possiamo non accennare al fatto che è stato il progettista dell’Arco Clementino, del teatro del Leone – andato a fuoco – e che a lui fu commissionata dalla nobile famiglia la realizzazione di Palazzo Pianetti.

Insomma, una figura eminente nel panorama della nostra storia.

Non solo. Doppio nome ma anche doppia vita. Nel senso che Valeri, dopo essersi formato a Roma,  si è “diviso” tra Jesi e Camerino – anche se ha operato pure in Umbria – e, per una strana circostanza, qui da noi è conosciuto come Luigi mentre a Camerino come Domenico. Tanto che, a un certo punto, s’ingenerò l’equivoco che si stesse considerando due distinte persone.

E, invece, era sempre lui: Domenico Luigi.

“Caduto nell’oblio per una buona parte dell’800 – ha spiegato, tra l’altro, Sara Tassi – è stato, poi, giustamente  rivalutato per la levatura artistica della sua mano che ricalcava, comunque, più il Seicento che il secolo nel quale stava esprimendosi”.

Al museo diocesano possiamo ammirare quattro grandi tele (1728) veterotestamentarie: Salomone al tempio, Il giudizio di Salomone, Il sacrificio di Jefte, la Giuditta. E cinque leziosi dipinti sovraporta con putti, Cupido e fiori.

Un’affascinante lezione di storia dell’arte condotta da un’esperta in materia, anche perché autrice, insieme a Loretta Mozzoni, del volume “Domenico Luigi Valeri. Il pittore paesano fatto cavaliere”, per le edizioni Gei.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.