Novanta persone a cena contro il Dpcm, chiuso il ristorante: «Sono in valutazione penalità pesanti» | Password Magazine

Novanta persone a cena contro il Dpcm, chiuso il ristorante: «Sono in valutazione penalità pesanti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PESARO – Novanta persone a cena nonostante il Dpcm, sigilli alle porte del ristorante pesarese. «Resterà chiuso per diversi giorni e sono in valutazione del questore e del Prefetto penalità pesanti» informa il sindaco di Pesaro Matteo Ricci. «Ringrazio le Forze dell’Ordine e la Polizia Municipale per l’intervento immediato e intelligente. Dobbiamo sconfiggere il virus e la crisi economica con equilibrio. È legittimo protestare e alzare la voce, ma sono inaccettabili pagliacciate pericolose contro la legge. Da domani incontreremo le delegazioni serie delle varie categorie che oggi hanno manifestato in piazza».

Forze dell’ordine sul posto, il titolare: «Lavorare è un nostro diritto»

Ieri sera, le forze di Polizia si sono recate al ristorante dove si stava svolgendo la cena, organizzata dall’imprenditore dopo la manifestazione di protesta del pomeriggio. Una cena interrotta dall’arrivo delle pattuglie che hanno chiesto al titolare di far uscire tutti e di chiudere il locale. Il tutto è stato ripreso da un’emittente locale che ha trasmesso tutto in diretta.
«Chiuderò quando i miei clienti avranno finito il dolce e pagato il conto – ha risposto il gestore – Stiamo lavorando ed è un nostro diritto, nel rispetto di tutte le normative anticontagio».
All’interno, all’irrompere delle divise i commensali hanno cominciato a gridare: «Libertà, libertà, libertà!» ed è stato un braccio di ferro fino all’ultimo, con le forze dell’ordine che non potevano entrare in gruppo perché la sala aveva raggiunto il limite di capienza massima e le persone al tavolo che non uscivano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.