Nuova ambulanza per la Croce Verde di Jesi

JESI – Il parco macchine della Croce Verde di Jesi si allarga: questo pomeriggio, la “Jesi 29” ha fatto il suo ingresso nella sede di Via Cappannini.

Con l’arrivo della “Jesi 29”, la Pubblica Assistenza Croce Verde di Jesi  ha completato il suo parco macchine per quanto riguarda la normativa regionale che prevede una macchina sostitutiva per ogni ambulanza di emergenza, ma sicuramente non si fermeranno qui, come tendono a precisare il presidente Piersanti Samuele e il segretrio Avv. Rosati Andrea. Ad oggi, la Pubblica Assistenza conta in tutto nove mezzi che vengono utilizzati sia per il soccorso di emergenza che per i trasporti secondari: «La nuova ambulanza va a completare il parco auto della nostra associazione – spiega il presidente – ma noi non ci fermiamo qui, lo scopo è quello di migliorare e crescere sempre di più».

La nuova ambulanza è stata pagata con i proventi dell’associazione e dunque con l’ottimo lavoro che l’associazione sta facendo: «Siamo orgogliosi di quello che siamo riusciti a fare con i sacrifici e tanto duro lavoro, queste sono grandi soddisfazioni – commenta il segretario Rosati Andrea – si tratta di una macchina performante, nuova e sicura per garantire la più alta qualità possibile. Ci impegniamo al massimo per garantire un servizio ottimale alla comunità».

Inoltre, nel mese di settembre, la Croce Verde organizzerà il corso di primo soccorso aperto alla cittadinanza: «Aldilà di tutto, la cosa più importante è sensibilizzare la comunità sulle manovre di pronto intervento – spiega il presidente – più la popolazione si informa, più vite riusciamo a salvare perché il tempo è vita».

«Grazie all’aiuto dei volontari e al lavoro dei dipendenti, la Croce Verde sta crescendo anno dopo anno – conclude il segretario – gli obiettivi sono sicuramente continuare e migliorare nella formazione del personale e soprattutto ampliare il numero dei volontari. Se entri nel mondo del volontariato e lo vivi a pieno, capisci che è un mondo bellissimo».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*