Banner Aprile IH Victoria

Nuova Lorenzini, il Sindaco: “Ce l’abbiamo fatta!”. Demolizione per gli edifici di Viale Verdi

JESI – E’ con un post sulla pagina Facebook che il sindaco di Jesi, Massimo Bacci, illustra il futuro della scuola primaria di primo grado Lorenzini. La scuola, non avendo superato i controlli sismici nella struttura di viale Verdi, è stata spostata all’ex seminario. “Quando ho deciso di chiudere la scuola primaria di primo grado Lorenzini perché non aveva superato i controlli di vulnerabilità sismica  scrive il primo cittadino – sapevo che quella scelta avrebbe posto grandi problemi di spazi perché l’ex seminario, unico edificio disponibile, non aveva aule adeguate. Ma la storia recente ci insegna che la prudenza non è mai troppa. E rifarei mille volte quella scelta. In quell’occasione avevo preso anche l’impegno di trovare una soluzione definitiva. Impegno non facile, soprattutto per l’investimento necessario”. Oggi quella soluzione è stata individuata “condivisa con la Dirigente ed i rappresentanti del Consiglio di Istituto del Comprensivo San Francesco: si realizzerà una nuova scuola. Sorgerà nell’ampia area verde di Via Schweitzer, più che sufficiente per ospitare un edificio moderno, parcheggi e un parco che circonda il tutto”. I vecchi edifici di Viale Verdi saranno demoliti e “l’area sarà a sua volta attrezzata a verde. Perché è stata ritenuta sia troppo piccola per ospitare una scuola moderna e dotata di tutti i servizi annessi, sia in posizione di criticità per la viabilità, già carica di traffico in quel tratto di Viale Verdi per le presenza del Liceo Scientifico, della materna Sbriscia ed appunto della Collodi. Abbiamo trovato le risorse, quasi 4,5 milioni, attraverso un’operazione finanziaria spalmata sul lungo periodo e grazie ad un bando nazionale che ci ha permesso di essere ammessi nella graduatoria dei finanziamenti. Realizzeremo una struttura importante, bella, ma soprattutto efficiente e funzionale. Perché vogliamo un edificio scolastico sicuro prima di tutto, ma anche capace di rispondere appieno alla didattica e alle altre esigenze educative e formative della scuola di oggi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.