Nuova luce per FIDAPA con la Cerimonia delle Candele

JESI – Attimi magici e significativi, allo stesso tempo densi di cultura e tradizioni, sono stati i protagonisti della Cerimonia delle Candele, l’appuntamento fondamentale nella vita associativa della Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari (FI.DA.PA.), presente con una delegazione anche a Jesi sotto la guida della presidente Letizia Saturni.

La serata si è svolta ieri presso la sede della Fondazione Federico II Hohenstaufen, all’interno del Palazzo Baldeschi – Balleani, aperta dalla visita guidata curata da Raffaella Gattini, nel centro storico della città.

“La cerimonia, che suggella l’ingresso di nuove socie, si compone da sempre di diverse fasi: dopo i saluti delle autorità FIDAPA dinnanzi ai presenti, si passa al rituale dell’accensione delle candele, simbolo di gioia e di pace, da parte delle neofite le quali vengono insignite della spilla di appartenenza – spiega la presidente Letizia Saturni –  Un momento di gioia perché di crescita non solo in numero ma in potenzialità e capacità che ciascuna socia vorrà/potrà mettere a disposizione di tutte”.

L’associazione ha dato ieri il benvenuto a Maria Chiara Garofoli, Nicoletta Zoppi, Monica de Pau, Daniela Genangeli ed infine Elisa Mancini, la giovane biologa nutrizionista delegata alla sezione Young di FIDAPA Jesi.

La presidente Letizia Saturni (la seconda da sinistra) e il Direttivo Fidapa insieme alle nuove socie

Cerimonia delle Candele: l’origine del rito

Nell’inverno del 1942, in un momento buio della storia dell’Europa e del Mondo, la Presidente Fondatrice della BPW, dottoressa Lena Madesin Philips, volendo rispondere ad uno degli obiettivi che si era prefissata – stabilire legami di amicizia con le donne di tutto il mondo – e soprattutto convinta che la partecipazione attiva delle donne sarebbe stata garanzia di pace, istituì la Cerimonia della Luce.

Tale rito fu introdotto durante la Notte Internazionale e ogni Nazione, la cui delegata ne raccontava la storia, era rappresentata da una candela accesa. Se il Paese era in guerra la candela, al termine del racconto della delegata, veniva spenta.

Con questo gesto Lena ricordava ai suoi compatrioti americani le sofferenze dell’Europa e manteneva viva la fiamma della speranza.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*