Nuova ordinanza Ceriscioli: «Scuole e manifestazioni pubbliche sospese fino a sabato» | | Password Magazine

Nuova ordinanza Ceriscioli: «Scuole e manifestazioni pubbliche sospese fino a sabato»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – «Dopo la sospensiva del Tar dell’ordinanza fatta dalla Regione Marche per il caso del #Coronavirus, siccome il Tar ha motivato che al momento dell’ordinanza non erano segnalati casi e ad oggi i casi positivi nella nostra Regione sono 6, ho ritenuto opportuno fare una seconda ordinanza con le motivazioni rafforzate dai nuovi casi, con effetto fino alle 24 di sabato.
Nel provvedimento abbiamo confermato le indicazioni e misure dell’ordinanza precedente, venendo incontro ad una scadenza che applicano anche le altre Regioni, per poi vedere il da fare con l’evolversi della situazione». Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, dopo la sentenza del Tar che sospendeva la prima ordinanza.

scuole chiuse fino a sabato

Dopo la sospensiva del Tar dell’ordinanza fatta dalla Regione Marche per il caso del #Coronavirus, siccome il Tar ha motivato che al momento dell’ordinanza non erano segnalati casi e ad oggi i casi positivi nella nostra Regione sono 6, ho ritenuto opportuno fare una seconda ordinanza con le motivazioni rafforzate dai nuovi casi, con effetto fino alle 24 di sabato. Nel provvedimento abbiamo confermato le indicazioni e misure dell’ordinanza precedente, venendo incontro ad una scadenza che applicano anche le altre Regioni, per poi vedere il da fare con l’evolversi della situazione

Pubblicato da Luca Ceriscioli su Giovedì 27 febbraio 2020

Dalle 24 di oggi alle 24 di sabato 29 febbraio le scuole nelle Marche rimarranno chiuse in virtù di una nuova ordinanza firmata dal presidente Ceriscioli. Lo ha comunicato lo stesso presidente, nel corso di una riunione del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza convocato presso la Prefettura di Pesaro, dopo che la precedente ha registrato la sospensiva del Tar Marche su ricorso dello Stato. «Faremo una nuova ordinanza, come la precedente ma più breve nei tempi di validità, con nuove motivazioni perché nell’altra non potevamo mettere i casi positivi che, al momento dell’emanazione, non erano stati ancora identificati. Parliamo di sei casi positivi nella provincia di Pesaro e Urbino, un centinaio in osservazione. Quindi un’accresciuta situazione in termini di complessità, che vogliamo affrontare con decisione e senso di responsabilità». Il presidente ha anche detto di non aver ricevuto garanzie dal Governo che non venga impugnata la nuova ordinanza. «Quindi ho preferito indicare un periodo di chiusura breve, compatibile con il buon senso e con uno spirito di risposta adeguati alla situazione in corso. Credo che rinunciare a una settimana di scuola valga la pena, quando in gioco c’è la sicurezza e l’incolumità pubblica».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.