Nuova Stagione di prosa 2018/19 del Teatro Pergolesi di Jesi con interpreti di alto livello

JESI – Presentata nelle Sale Pergolesiane la nuova Stagione di prosa 2018/19 del Teatro Pergolesi di Jesi.

Un cartellone di sette appuntamenti a partire dal 19 dicembre fino al 6 aprile 2019: maestri della scena, testi classici e scritture contemporanee per una grande nuova stagione di prosa, nata dalla rinnovata collaborazione tra Fondazione Pergolesi Spontini, Comune di Jesi e AMAT. Presenti alla presentazione Luca Butini, assessore alla Cultura del Comune di Jesi; Lucia Chiatti, Responsabile Area Amministrazione con deleghe di Amministratore Delegato della Fondazione Pergolesi Spontini; Gilberto Santini, Direttore Amat; Giordano Fulvi, responsabile direzione territoriale Jesi UBI Banca.

Il vice sindaco non ha perso l’occasione per portare i saluti del sindaco Massimo Bacci e per ringraziare tutte le parti che hanno reso possibile questa nuova grande stagione di prosa: “Dietro il successo di questo ricco cartellone vi è sicuramente la bellissima collaborazione che si è instaurata con le altre Amministrazioni – commenta il Butini –  e vorrei inoltre ringraziare Ubi Banca e tutti i Mecenati 2018 per il contributo erogato tramite Art Bonus a sostegno delle attività del Teatro Pergolesi”.

E dunque quello che ci aspetta è un viaggio che promette emozioni, evasione e momenti di riflessione: “Quello che la Fondazione Spontini vuol fare è restituire il Teatro Pergolesi ai cittadini – commenta Lucia Chiatti – e lo vogliamo fare attraverso importanti appuntamenti di prosa, il genere teatrale prediletto dal pubblico jesino. Inoltre, per dare la possibilità di scegliere un buon posto anche a quanti nelle ultime stagioni non l’hanno potuto trovare, quest’anno è stato azzerato il diritto di prelazione”.

Ma andiamo nel vivo della stagione.

Ad aprire il sipario sarà lo spettacolo “Shakespeare in love” del 19 dicembre. Adattamento teatrale del capolavoro vincitore di 7 premi Oscar, con protagonisti Gwyneth Paltrow e Joseph Fiennes, la regia di John Madden e la sceneggiatura di Marc Norman e Tom Stoppard, adattato per il teatro da Lee Hall con musiche scritte da Paddy Cunneen. Interpreti di questa commedia sono Lucia Lavia e Marco De Gaudio diretti dalla regia di Giampiero Solari con la regia associata di Bruno Fornasari.

Il secondo appuntamento sarà il 10 gennaio con lo spettacolo “Viktor und Viktoria” con Veronica Pivetti diretta da Emanuele Gamba. Commedia con musiche liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schunzel nell’insolito doppio ruolo di Viktor/Viktoria, nato sul grande schermo e per la prima volta sulle scene italiane nella sua versione originale. Tra battute di spirito e divertenti equivoci, si legge la critica a una società bigotta e superficiale sempre pronta a giudicare dalle apparenze: la Berlino degli Anni Trenta fa da sfondo a una vicenda che, con leggerezza, arriva in profondità.

Il 26 gennaio sarà la volta di “Enrico IV” di Luigi Pirandello, con la produzione di Marche Teatro e adattamento e regia di Carlo Cecchi. Il Maestro della scena italiana è sul palcoscenico nelle vesti di Enrico IV con Angelica Ippolito, Gigio Morra, Roberto Trifirò, Federico Brugnone, Davide Giordano, Dario Iubatti, Matteo Lai, Chiara Mancuso, Remo Stella.

Per il quarto appuntamento del 15 febbraio si assisterà a “Pesce d’Aprile”: il racconto di un grande amore, un’esperienza di vita reale, toccante, intima e straordinaria, vissuta da un uomo e da una donna, interpretati da Cesare Bocci – che firma anche la regia – e Tiziana Foschi. Tratto dall’omonimo romanzo autobiografico, scritto da Daniela Spada e Cesare Bocci. Da qui l’esperienza si fa spettacolo: un testo vero, lucido, ironico e commovente, che racconta come anche una brutta malattia può diventare un atto d’amore.

L’8 marzo andrà in scena uno dei testi teatrali tra i più noti e rappresentati di sempre, “Il Gabbiano” di Anton Čechov. Un affascinante incontro fra due protagonisti assoluti del teatro italiano, Massimo Ranieri e Giancarlo Sepe, in una grande produzione di Diana Or.i.s. e Rama 2000, un allestimento imponente, undici attori di ottimo livello recitativo per un nuovo e rivoluzionario adattamento.

Il 16 marzo sarà la volta di “Macbettu”, un Macbeth che si esprime in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. È l’originale progetto di Sardegna Teatro di Alessandro Serra, regista e fondatore della compagnia Teatropersona in scena. Lo spettacolo, vincitore del prestigioso Premio Ubu 2017 e del Premio ANCT 2017 (Associazione Nazionale dei Critici di Teatro) trasporta il dramma shakespeariano in una Sardegna arcaica e senza tempo. L’idea nasce nel corso di un reportage fotografico tra i carnevali della Barbagia. La lingua sarda non limita la fruizione ma trasforma in canto ciò che in italiano rischierebbe di scadere in letteratura.

La stagione si conclude il 6 aprile con lo spettacolo “Figlie di Eva” con Maria Grazia Cucinotta, Vittoria Belvedere e Michela Andreozzi, insieme sul palco per la regia di Massimiliano Vado: tre donne sull’orlo di una crisi di nervi sono legate allo stesso uomo, un politico spregiudicato, corrotto e doppiogiochista, candidato premier delle imminenti elezioni. Figlie di Eva è la storia di una solidarietà ma anche della condizione femminile, costretta a stare un passo indietro ma capace, se provocata, di tirare fuori risorse geniali e rimontare vincendo in volata.

Per gli abbonamenti rivolgersi alla biglietteria del teatro (n° 0731 206888) a partire da domenica 14 ottobre dalle 16 alle 20, per proseguire poi mercoledì 17 ottobre. Per i biglietti e i carnet a partire da sabato 10 novembre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*