Nuovi interventi di edilizia sociale, in arrivo altri 40 gli alloggi

JESI – Altri sette nuovi alloggi di edilizia sociale saranno finanziati grazie ad una rimodulazione delle risorse del programma di opere pubbliche che permetterà così di avere, concretamente, ben 40 residenze da destinare alle famiglie in difficoltà.

È certamente questa la novità sostanziale della rivisitazione dei piani finanziari legati a finanziamenti extra-bilancio attraverso i quali l’Amministrazione comunale dà risposte puntuali e coerenti ad altri importanti interventi: la pavimentazione di corso Matteotti, l’impermeabilizzazione del palazzetto dello sport, la messa in sicurezza dei locali ex Cuppari che ospitano l’Università.

Per quanto riguarda in particolare corso Matteotti, la nuova previsione, approvata dal Consiglio comunale, dà certezza sui finanziamenti, potendo infatti contare su risorse che sono state recuperate da due precise scelte: quella di affidare all’Erap gli interventi completi su acquisto e ristrutturazione di alloggi e quella di vendere gli appartamenti dell’ex chiostro di Sant’Agostino che, per caratteristiche storiche ed architettoniche, non si prestano ad edilizia sociale.

Tali scelte permetteranno, come detto, anche di recuperare con certezza ben 40 alloggi (13 alle ex carceri, 8 a palazzo Santoni, 5 a largo Saponari, 4 in via San Marino, 2 in via del Forno e 2 in via delle Terme), con il finanziamento certo di 7 alloggi in più rispetto al precedente piano. In esso vi erano infatti sì previste 47 unità abitative, ma solo 33 realmente finanziate e dunque con certezza concreta che potessero essere immesse nelle disponibilità delle famiglie in graduatoria per l’edilizia sociale.

La rimodulazione, come detto, contempla anche l’impermeabilizzazione del palasport (grazie al contributo in conto interessi del Credito Sportivo che consente di contrarre un mutuo per 150 mila euro senza oneri aggiuntivi rispetto alla quota capitale) a all’adeguamento antincendio dei locali dell‘Università in vicolo Angeloni, grazie alla disponibilità della Fondazione Colocci di anticipare fin da subito i canoni di affitto per 140 mila euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*