Nuovo decreto Covid: Italia rossa e arancione fino al 30 aprile | Password Magazine

Nuovo decreto Covid: Italia rossa e arancione fino al 30 aprile

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Proroga fino al 30 aprile delle disposizioni anti-covid del 2 marzo 2021, ritorno a scuola in presenza anche in zona rossa fino alla prima media, nessuna regione in zona gialla. Sono alcune delle misure più importanti previste dal nuovo decreto legge del Governo.

Lo ha approvato Consiglio dei Ministri che introduce provvedimenti urgenti per il contenimento della pandemia.

SCUOLA. Dal 7 al 30 aprile 2021 sarà assicurato, sull’intero territorio nazionale, lo svolgimento in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e della scuola dell’infanzia fino alla prima media. Per i successivi gradi di istruzione è confermato lo svolgimento delle attività in presenza dal 50% al 75% della popolazione studentesca in zona arancione mentre in zona rossa le relative attività si svolgono a distanza, garantendo comunque la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

PASQUA BLINDATA. Secondo quanto stabilità dall’attuale Decreto, dal 3 al 5 aprile tutta Italia sarà in zona rossa, come a Natale. Non si potrà circolare neanche all’interno del proprio comune ma è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi in ambito regionale in massimo due persone più i minori di 14 anni conviventi per andare a trovare parenti o amici.

NESSUNA REGIONE GIALLA.  Fino al 30 aprile tutta Italia sarà in zona arancione o rossa. Sono previste deroghe (ed eventuale ritorno al giallo) per quelle Regioni in arancioni che avranno dati da zona gialla, sulla base dell’andamento dei contagi e del numero dei vaccini somministrati, in particolare tra la popolazione anziana e fragile.

SPOSTAMENTI. Possibilità, nella zona arancione, di uno spostamento giornaliero verso una sola abitazione privata abitata in ambito comunale. Tranne che nel week end di Pasqua, nelle zone rosse non sarà consentito andare a trovare parenti o amici. Restano vietati gli spostamenti tra le Regioni, a meno che non si abbia una seconda casa (compatibilmente con quanto previsto dalla propria Regione) o per comprovati motivi di lavoro, salute e necessità.

BAR E RISTORANTI. Restano chiusi con possibilità solo di asporto, fino alle 18 per i bar e fino alle 22 e solo per i ristoranti. Sempre consentita la consegna a domicilio. In caso di ripristino delle zone gialle, bar e ristoranti potranno riaprire a pranzo.

PALESTRE, PISCINE, CINEMA, TEATRI, MUSEI. Ancora niente aperture fino al 30 aprile. In caso di ripristino delle zone gialle, potrebbe essere valutare la riapertura di cinema e i teatri con le regole che erano già previste nel precedente decreto: prenotazione obbligatoria, massimo 200 spettatori al chiuso e 400 all’aperto.

OBBLIGO VACCINI PER I SANITARI. Obbligo vaccinale da parte del personale medico e sanitario, prevedendo una dettagliata procedura per la sua operatività e adeguate misure in caso di inottemperanza (assegnazione a diverse mansioni ovvero sospensione della retribuzione). Quando si raggiungerà l’immunizzazione di massa o si registrerà un calo importante della diffusione del virus, la sanzione verrebbe revocata. La sospensione durerà al massimo sino al 31 dicembre del 2021. Previsto anche lo ‘scudo penale’ per i somministratori che seguono le regole, limitando la punibilità ai soli casi di colpa grave.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.