Nuovo Dpcm, Conte: «Sacrifici ora per affrontare il Natale più serenamente» | Password Magazine

Nuovo Dpcm, Conte: «Sacrifici ora per affrontare il Natale più serenamente»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Chiusura anticipata alle 18 per ristoranti, bar e gelaterie. E poi stop a teatri e a cinema e poi anche palestre, piscine, centri benessere e termali. Chiuse anche sale gioco e casinò. Sospese anche le feste dopo i matrimoni

Queste le nuove misure stringenti contenute nel nuovo Dpcm firmato da Conte nella notte, annunciate durante la conferenza annunciata per le 13.30, e che entrerà in vigore da domani fino al 24 novembre.

«Dobbiamo fare il possibile per proteggere insieme la salute e l’economia di qui la necessità di applicare nuove misure» ha detto il premier Conte.

Bar e ristoranti chiusi alle 18, aperti domenica

Chiusura alle 18 di ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie nei giorni feriali e la domenica. Consentito l’asporto dopo le 18, resta il divieto di consumare cibo e bevande in piazze e strade. Al ristorante, sono consentite solo 4 persone al tavolo, a meno che non si tratti di congiunti.
Poi stop a cinema, teatri, casinò, sale scommesse. Stop a palestre, piscine, centri benessere e centri termali. Sospese anche le feste dopo cerimonie civili e religiose.

Sono sospesi convegni, congressi ed eventi, consentiti solo a distanza, e poi tutte le competizioni dello sport, tranne quelle professionali.

Didattica a Distanza anche al 100%

Per le scuole secondarie di secondo grado, il Governo incrementa la didattica a distanza alle superiori che potrà arrivare anche al 100%.  Saranno i presidi a decidere la quota di Dad. Incentivato poi lo smart working nella pubblica amministrazione e fortemente raccomandato anche nel privato.

Il Dpcm raccomanda di non spostarsi ma elimina la specifica “Comune”

«Non abbiamo adottato il coprifuoco – ha detto Conte – ma raccomandiamo fortemente di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità, per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi» e per quanto riguarda le abitazioni private di «non ricevere persone diverse da conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza» .

Previsti indennizzi per categorie interessate dal Dpcm.

«Mi rendo conto che esistono persone meno tutelate, che non possono contare su un’entrata mensile fissa – ha detto Conte -. Sono già pronti indennizzi per chi sarà direttamente penalizzato da questo nuovo Dpcm. I ristori arriveranno sul conto corrente degli interessati, in modo rapido ed efficace».

Previsti dunque nuovi contributi a fondo perduto, crediti di imposta per gli affitti commerciali, cancellata la seconda rata Imu dovuta entro il 16 dicembre, cassa integrazione confermata, contributi per lavoratori stagionali. «In questo modo chi sarà costretto a sospendere la propria attività avrà un sostegno economico per le prossime settimane – conclude il premier -. Misure stringenti ora per affrontare dicembre e festività natalizie con maggiore sanità, in attesa dell’arrivo delle prime dosi di vaccino attese per l’ultimo mese dell’anno».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.