Nuovo Ponte San Carlo, progetto pronto entro la fine dell’estate

JESI– Ponte San Carlo, progetto esecutivo pronto entro la fine dell’estate. Si completa così un passaggio fondamentale, perché solo in presenza di un progetto definitivo si potranno attingere ai finanziamenti statali per la realizzazione dell’opera che ammonta a oltre 4 milioni di euro. «I tecnici sono arrivati alla fase di ultimazione ed entro metà settembre dovrebbero aver concluso  – ha spiegato il sindaco Massimo Bacci -. Abbiamo preso di petto questo problema, ben prima che in Italia si cominciasse a parlare di ponti a causa della tragedia di Genova».  Il Ministero dell’Interno, di concerto con quello dell’Economia e delle Finanze, aveva stanziato 325 mila euro per la progettazione del nuovo ponte San Carlo.

Il viadotto, che scavalca il fiume Esino lungo Via Marconi per raggiungere il quartiere Minonna e la Statale 362 per Santa Maria Nuova, Filottrano e Macerata, è in precarie condizioni strutturali al punto tale che i tecnici avevano consigliato all’Amministrazione comunale di evitare interventi di miglioramento della struttura, preferendo a conti fatti e nell’incertezza della realizzazione di tali interventi, la demolizione e ricostruzione ex novo.

Il San Carlo sarà ricostruito mantenendo lo stesso tracciato: pertanto, i progettisti hanno scartato l’ipotesi di spostare il viadotto creando un collegamento diretto tra via Ricci e lo svincolo della SS76, soluzione che avrebbe lasciato in isolamento il quartiere Minonna oltreché comportare un aumento della spesa per il rifacimento di nuovi tratti stradali. Essendo il viadotto attraversato anche da condotte di luce, elettricità e metano collegate alle utenze, i tecnici stanno poi valutando soluzioni per garantirne la continuità d’erogazione durante l’arco dei lavori.  Un’opera dai costi considerevoli per un solo comune: difficile ricostruire la storia per cui quel tratto di strada, che è a tutti gli effetti parte fondante di una Statale e snodo viario di uno svincolo della superstrada, sia finito nelle competenze di una amministrazione comunale che, per logica, dovrebbe occuparsi solo di viabilità territoriale. Per questo motivo, la Giunta ritiene che non debba essere l’unica ad occuparsi del problema: «Jesi non può essere lasciata sola» è il pensiero espresso dal sindaco Bacci.

«La fase di progettazione sarà determinante per qualsiasi percorso si voglia intraprendere, pertanto si stanno valutando le alternative applicabili per scongiurare meno disagio possibile a chi abita nelle circostanze del ponte» ha affermato il sindaco.

Proseguono quindi gli incontri con gli incaricati alla stesura della proposta definitiva, utile per poter attingere ai finanziamenti statali per la realizzazione dell’opera.

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*