Nuovo simbolo di Libera Azione, Rosini (Dc): "Tesi assurda la confondibilità" | Password Magazine

Nuovo simbolo di Libera Azione, Rosini (Dc): “Tesi assurda la confondibilità”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Inqualificabile il trattamento che la sottocommissione elettorale di Jesi (eccetto il signor Mazzarini, il quale ha votato contro), con una decisione motivata da ragioni palesemente infondate dal punto di vista giuridico,ha riservato allo scudo crociato, escludendolo dalle prossime elezioni jesine e determinandogli, di fatto, una grave lesione del suo diritto ed un effetto politico discriminatorio”.

Franco Rosini, commissario regionale della Democrazia Cristiana non usa mezzi termini per commentare la decisione che ha, poi, portato, al cambio del simbolo della lista civica di centrodestra Libera Azione, che sostiene il candidato sindaco Massimiliano Lucaboni, escludendo la scudo crociato che era affiancato al simbolo di Forza Italia..

“Tanto le sentenze della Cassazione che del Consiglio di Stato – ha spiegato ancora Rosini – hanno sancito, rispettivamente, che lo scudo crociato appartenga alla Democrazia Cristiana (in questo devo correggere l’amico Lucaboni, il quale ha detto erroneamente che lo scudo crociato appartiene all’Udc: non è così, ed infatti non è questo che ha scritto la sottocommissione), e che fra il simbolo della Democrazia Cristiana e quello dell’Udc non vi sia alcuna confondibilità (quest’ultima invece è stata la motivazione, però sbagliata, addotta dalla sottocommissione per escludere lo scudo crociato)”.

“Ma soprattutto, come si può sostenere la tesi della confondibilità fra i due simboli, se l’Udc alle elezioni non si è presentato per niente? Da Roma il presidente Fontana mi ha prospettato di presentare ricorso, ma non lo farò; potrebbe causare un rinvio delle elezioni che danneggerebbe solo i cittadini e le casse comunali. L’unica strada opportuna era quella di portare una memoria preliminare con allegate sentenze direttamente alla Commissione elettorale, e demandare comunque ad essa la decisione finale, senza fare alcun ricorso; tuttavia, il nostro candidato Sindaco non se l’è sentita e si è tirato indietro, presentando subito il contrassegno modificato come richiesto, assurdamente, dalla sottocommissione, e che io stesso avevo comunque già predisposto nel caso le nostre tesi non fossero state accolte; è stato a mio avviso un grosso errore, che chiaramente penalizzerà l’esito elettorale della lista, a causa dell’assenza dello scudo crociato. Naturalmente, non abbandoneremo tutti questi candidati che han creduto nel progetto politico del Ppe unito, e continueremo ad appoggiare loro e Forza Italia in campagna elettorale” .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.