Nuovo Statuto Comunale, Jesi in Comune: “Non chiare le intenzioni dell’amministrazione”

Secondo Jesi in Comune, per la questione dello statuto comunale di Jesi, viene fatto un passo falso se non si chiariscono le intenzioni dell’amministrazione.

Così tramite una nota pubblicata sui social: “Le modifiche allo Statuto comunale avrebbero dovuto riguardare l’aggiornamento rispetto alle novità legislative (abolizione del difensore civico, soppressione delle circoscrizioni etc…) e non certo lo stravolgimento dei principi generali. Invece, dopo la scomparsa dei termini Antifascismo e Resistenza (ora reinseriti insieme però a tutta una serie di termini e concetti, compresa città regia, del tutto fuorvianti ed inopportuni, quasi a sminuire e svuotare quel senso denso che invece quelle le parole dovrebbero avere), abbiamo preso atto che l’intenzione dell’amministrazione è quella di mettere mano proprio ai principi generali. Pertanto riteniamo necessaria adesso la più ampia partecipazione e condivisione, che non può certo limitarsi alla possibilità di avanzare proposte tramite il sito istituzionale del comune. Questo è, o almeno dovrebbe essere, solo il primo passo. Un passo che però rischia di essere falso, se non si chiariscono bene le modalità e, quindi, le intenzioni dell’amministrazione.

Abbiamo inviato una mail al protocollo del Comune (qui sotto il testo), perché ci sembra paradossale che le osservazioni debbano essere fatte al vigente statuto quando esiste già, allegata al modulo, una proposta di revisione dell’amministrazione comunale (?) che non può certo sottrarsi al confronto con la città, anche perché, presumibilmente, sarà questa che poi arriverà nella discussione dell’aula consiliare. Ed ancora, che fine faranno le osservazioni pervenute sul sito? Visto che, seppur ufficiosamente, pare che l’assemblea pubblica per discutere delle modifiche allo Statuto è prevista per il 26 febbraio, cioè prima dello spirare del termine per avanzare proposte on line (1 Marzo)… La strada per la partecipazione sembra essere ancora in salita”.

Mail inviata al protocollo, presa dalla pagina facebook:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*