Oasi felina all'ex campo da calcio di Mazzangrugno, approvato progetto | Password Magazine
Festival Pergolesi

Oasi felina all’ex campo da calcio di Mazzangrugno, approvato progetto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Oasi felina a Mazzangrugno, la Giunta approva il progetto. Compiuto un ulteriore passo verso la realizzazione della struttura che servirà a dare ricovero ai numerosi gatti della colonia d’Antonietta e non solo. Come aveva annunciato l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano, l’area individuata è quella dell’ex campo sportivo di Mazzangrugno, di proprietà comunale, attualmente inutilizzato e facilmente riadattabile con piccoli interventi: il Comune ha stanziato 10.500 euro (iva compresa) per eseguire e i lavori e allestire l’impianto, sgomberando i locali ex spogliatoi e allestendo i ricoveri per i quattro zampe.

I gatti randagi oggetto del servizio in questione sono attualmente sistemati in alcune strutture situate in via Zanibelli, in un’area di proprietà dell’ASUR. Come è noto, la zona sarà però presto sgombrata per permettere all’azienda sanitaria di eseguire i lavori relativi alla realizzazione di una nuova strada di accesso al canile.
Nel corso di una serie di incontri avvenuti fra l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano, la signora Antonietta che gestisce la colonia di via Zanibelli, l’associazione 4 Baffi e volontari era maturata la convinzione di dover procedere comunque ad una revisione dell’impostazione del servizio, separando la gestione dei gatti da quella dei cani. Nello specifico si era ritenuto di dover realizzare un’oasi felina recintata e destinata all’accoglienza di gatti, compresi quelli con accertati problemi fisici e cuccioli non adottati.

Una volta eseguiti i lavori, la gestione dell’oasi sarà poi affidata a un’associazione di volontariato che si farà poi carico dei futuri impegni di spesa per il mantenimento delle strutture e degli animali.

«Siamo molto sollevate – fa sapere l’associazione 4 Baffi – che questa piccola realtà si stia realizzando e ci auguriamo che chiunque gestirà l’oasi, potrà fare il bene dei nostri piccoli amici felini».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.