Occhi puntati su Notre Dame, una ferita inferta al mondo

PARIGI – Brucia Parigi. Una colonna di fumo si è alzata questa sera da Notre Dame infliggendo una ferita alla Cristianità e alla storia di Francia. Un ferita che coinvolge tutti, anche noi che dalle nostre case, in Vallesina, stiamo seguendo le operazioni dei vigili del fuoco attraverso le immagini della tivù o sui social, nella speranza che si salvi qualcosa. Tantissimi i messaggi di apprensione per il destino del monumento storico più visitato d’Europa, patrimonio dell’umanità. I vigili del fuoco sono stati chiari: il pericolo è che crolli tutta la struttura, c’è un’ora di tempo per vedere se ciò accadrà.

Ma ricostruiamo la vicenda. Sono circa le 7 di sera quando il fumo inizia ad innalzarsi al di sopra del tetto. Arrivano circa una trentina di camionette di pompieri ma spegnere l’incendio non è semplice. Il vento che soffia contribuisce alla diffusione delle fiamme e, a detta degli esperti, le temperature sono talmente alte che l’acqua evapora prima di raggiungere il fuoco.
Crollano il tetto e la guglia gotica, sotto lo sguardo attonito dei cittadini e dei turisti. Cade sotto ai nostri occhi uno dei simboli di Parigi. Ci sono voluti due secoli per costruirla, ora in poche ore si sgretola sotto i nostri occhi.

I pompieri confermano che l’incendio è “probabilmente” legato ai lavori di ristrutturazione in corso mentre la procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per determinare le cause dell’incendio.

(c.c.)

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*