"Oggi si recita l'HIV", spettacolo su prevenzione e stigma al Teatro Pergolesi | | Password Magazine

“Oggi si recita l’HIV”, spettacolo su prevenzione e stigma al Teatro Pergolesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Questa mattina andrà in scena lo spettacolo “Oggi si recita l’Hiv” alle ore 10,30 presso il Teatro Pergolesi di Jesi: tra il pubblico oltre 320 studenti delle scuole superiori della città.

La pièce teatrale dal sapore agrodolce, messa in essere dall’associazione Arcobaleno Aids di Torino, con la collaborazione di Analaids Marche e il contributo di Gilead Sciences, è stata presentata in sede comunale dall’assessore alla Cultura Luca Butini – che è anche immunologo clinico di professione e presidente di Anlaids Marche Onlus – insieme a Marzia Maccarini del TeatroSequenza di Torino, alla Prof. Rosa Ragni del Liceo Classico, al dottor Stefano Patrucco, ad Andrea Cancellieri dell’agenzia Boldad e alla prof.ssa Maria Grazia Sabatini del Cuppari.

Lo stesso spettacolo ha già toccato le principali città d’Italia, coinvolgendo più di 8mila ragazzi, ma si tratta della loro “prima volta” nella regione Marche: “È rivolto proprio agli studenti delle scuole superiori – commenta l’assessore – perché l’intento è quello di sensibilizzare e diffondere informazioni riguardo l’infezione da HIV e le malattie sessualmente trasmissibili”. L’iniziativa, denominata HImoVie 3.0, è un progetto teatrale sull’HIV pensato per sensibilizzare i ragazzi sui temi della prevenzione e del contrasto allo stigma che colpisce ancora le circa 130mila persone che in Italia convivono con il virus. L’infezione da HIV è tutt’altro che scomparsa; in Italia nel 2016 si sono registrate 3.500 nuove diagnosi, vale a dire 10 al giorno, e l’85% di esse è conseguenza di rapporti sessuali non protetti.

Lo spettacolo racconta le storie di 20 ragazzi sieropositivi tratte dal volume “Vivere la sieropositività”, mettono in scena quello che questi ragazzi hanno dovuto affrontare: la loro storia e come hanno contratto l’infezione, dalla scoperta ai modi di affrontarla e curarla.

“Le Marche nel 2016 sono risultate fra le regioni in cui si è registrato il più alto tasso di segnalazione di nuovi casi di infezione da HIV ed in molti casi la diagnosi è avvenuta con malattia in fase avanzata – commenta Butini – il che significa che quella persona per molto tempo è stata inconsapevolmente in grado di trasmettere il virus”

“Siamo molto soddisfatti dello straordinario successo di HImoVie – spiega Stefano Patrucco dell’associazione Arcobaleno Aids – che mette in scena uno spettacolo tratto dai vissuti che 20 ragazzi sieropositivi dalla nascita hanno condiviso con noi e che ci consente di coinvolgere i loro coetanei in una riflessione sui comportamenti a rischio e sull’accoglienza delle persone sieropositive”. L’idea è stata quella di raccontare, attraverso lo spettacolo, le difficoltà e il difficile percorso di accettazione della malattia di ragazzi coetanei affetti da HIV, perché l’AIDS esiste ancora, anche se fortunatamente è più controllabile rispetto al passato, ed è importante continuare a parlarne anche ironizzando sul sentito dire e sulle false informazioni, troppo facilmente reperibili.

Dopo lo spettacolo seguirà un dibattito con esperti del settore incentrato su domande e questioni ad hoc per gli adolescenti presenti.

Gli istituti interessati sono: Liceo Classico, Socio Psico Pedagogico delle Scienze Sociali “V. Emanuele II” , Istituto Tecnico Statale “Pietro Cuppari”, Istituto Istruzione Superiore “Galileo Galilei”, Istituto Tecnico Industriale Statale “G. Marconi”, Istituto Statale d’Arte “E. Mannucci”, Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “E Pieralisi”, Istituto Professionale per l’Agricoltura “Serafino Salvati” di Monte Roberto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.