Oltre 2000 persone in Piazza per "Il Volo dell'Aquila"

JESI – Oltre 2000 spettatori in Piazza Federico II a Jesi ieri notte, giovedì 1 settembre, per l’inaugurazione del XVI Festival Pergolesi Spontini, “Il Volo dell’Aquila” di Franco Dragone con la musica di Fabrizio Festa. 

Tutti con lo sguardo verso il cielo, per vedere il volo dell’acrobata sospesa a 35 metri di altezza che ha attraversato Piazza Federico II su un cavo d’acciaio teso tra il campanile della Chiesa di San Floriano e il Palazzo del Museo Diocesano. Oltre 2000 gli spettatori che hanno affollato ieri notte (giovedì 1 settembre) Piazza Federico II a Jesi in occasione dello spettacolo musicale “Il volo dell’Aquila” ideato da Franco Dragone per l’inaugurazione del XVI Festival Pergolesi Spontini. Un evento di grande impatto visivo e sonoro, con oltre 130 artisti che hanno dato vita alla festa teatrale con voci, cori polifonici, strumenti elettronici, artisti di circo contemporaneo e campane, e costruito intorno al racconto della nascita di Federico e alla figura della madre, Costanza d’Altavilla, che secondo la leggenda partorì sotto una tenda alla presenza alla presenza delle autorità civili e religiose della città. E come al tempo assistettero all’evento i notabili della città, anche ieri notte i “vip” non sono mancati. Come le campionesse olimpiche del fioretto Elisa di Francisca (argento a Rio  2016, che è arrivata ieri in piazza in bicicletta) e l’On. Valentina Vezzali, i sindaci delle due città federiciane Jesi e Melfi, Massimo Bacci e Livio Valvano, l’amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini William Graziosi ed il direttore artistico Vincenzo De Vivo, imprenditori e politici, famiglie della nobiltà jesina e marchigiana tra cui il Conte Vanni Leopardi di Recanati, esponenti del nascente Museo Federico II Stupor Mundi (che a breve vedrà la luce in questa stessa Piazza), della Fondazione Federico II Hohenstaufen, dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini delle Marche e di Food Brand Marche con Antonio Centocanti  ed Alberto Mazzoni. Tra le presenze, tantissimi i bambini.

Un successo, firmato dalla Fondazione Pergolesi Spontini che per la serata inaugurale ha proposto in prima rappresentazione assoluta l’azione scenica di Franco Dragone, con la musica e la direzione di Fabrizio Festa, la drammaturgia di Vincenzo De Vivo, la regia di Gianpiero Francese, monologo a cura di Virginia Virilli, scene e costumi diBenito Leonori, video design di Luca Agnani, attrice Diletta Masetti, soprano Yuliya Poleshchuk, controtenore Ilham Nazarov, strumenti elettronici di MaterElettrica Ensemble ed un Coro Polifonico del Festival diretto da Maruska Di Giannatale composto da 62 artisti del territorio, provenienti dal Coro Federico II di Jesi, dalla Corale San Francesco d’Assisi di Jesi, dalla  Corale Santa Lucia di Jesi, dal Coro Gaspare Spontini di Maiolati Spontini e dal Coro Vox Nova di Fabriano. Danzatori Federica Posca e Giuseppe Ranieri, gli artisti di circo contemporaneo sono Davide De Bardi, Giulio Lanfranco, Alessandro Maida, Marino Mezzogiorno Brown. Nei movimenti di massa, sono state impegnate oltre 60 persone formate da Franco Dragone e Giuliano Peparini nel corso di un workshop gratuito organizzato a Jesi nei giorni scorsi.

Una magica serata alla cui riuscita hanno contribuito l’impegno del Comune di Jesi, il Museo Diocesano di Jesi, il Nucleo Volontariato CB OM Associazione di Protezione Civile di Jesi, l’Ordine Francescano Secolare-Fraternità di Jesi San Francesco d’Assisi, la grande disponibilità dei presidenti e dei direttori dei Cori.

Il XVI Festival Pergolesi Spontini, organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini, proseguirà fino al 25 settembre nei teatri e nei luoghi d’arte di Jesi, Maiolati Spontini e altre città della provincia di Ancona, con 15 appuntamenti tra opere, concerti e spettacoli di teatro musicale. In programma, un viaggio in musica dal XII secolo ai giorni nostri attraverso l’albero genealogico di Federico II di Hohenstaufen, imperatore del Sacro Romano Impero e re di Sicilia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*