Oltre 2500 visitatori in Fondazione per la mostra "La Scuola Romana"

JESI – La mostra “La Scuola Romana, da Via Cavour agli Anni ‘50”, inaugurata il 24 giugno 2016, ha chiuso al pubblico lo scorso 25 settembre.

Non nascondono grande soddisfazione organizzatori e curatori per il grande successo di pubblico che ha ricevuto l’evento artistico più importante dell’estate del territorio. Oltre 2.500 visitatori hanno potuto ammirare, nelle bellissime sale espositive al piano terra di palazzo Bisaccioni, sede della Fondazione della Cassa di Risparmio di Jesi, le opere di quello che è stato tra i più importanti e longevi  movimenti artistici del Novecento. Da sottolineare il contributo degli artisti marchigiani, tra i quali, Scipione (Gino Bonichi), Corrado Cagli, Pericle Fazzini, Luigi Bartolini, Orfeo Tamburi, Arnolfio Crucianelli. Dato l’alto contenuto culturale dell’evento, la mostra ha avuto il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali (MIBACT) e della Regione Marche. Tra i visitatori la dottoressa Annapaola Agati, della sovrintendenza dei Musei Capitolini di Roma e del Museo della Scuola Romana di Villa Torlonia.

Un momento importante che ha raccolto grande interesse ed ha registrato il tutto esaurito, è stato l’incontro con Giulia (Giuditta) Mafai, figlia di Antonietta Raphael e Mario Mafai e l’artista Mario Sasso, che hanno posto l’accento su quei particolari inediti e più intimi che hanno caratterizzato il sorgere e lo svilupparsi della scuola romana.

Scuola tutt’ora viva se si considera che si è parlato di una seconda Scuola Romana e si parla di una terza Scuola Romana, rappresentata da artisti di livello nazionale ed oltre.

Gli organizzatori ringraziano, per la sensibilità e la generosità dimostrate, le istituzioni pubbliche come la Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata e tutti i collezionisti privati che, prestando le opere, hanno reso possibile l’evento.

Il prossimo appuntamento, con quella che ormai è conosciuta come “La sala blu” è fissato per i prossimi mesi invernali con una nuova mostra, nella quale la Fondazione proporrà un altro movimento dell’arte contemporanea italiana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*