Oltre 3000 mila persone allo stadio per il 6 Nazioni Femminile. Galles batte Italia

 

JESI – Sì è chiusa con la sconfitta dell’Italia e un punteggio di 8 a 20 a favore del Galles il primo incontro del 6 Nazioni Femminile di Rugby che si è tenuto questo pomeriggio a Jesi in un affollato stadio Carotti. Nonostante la pioggia, erano circa 3500 le persone accorse a fare il tifo per la nazionale femminile di rugby. Ad aprire il match il corteo dei figuranti e dei gruppi storici dell’Ente Palio San Floriano con i colori e le tradizioni della città; c’era anche la fanfara dei bersaglieri che ha eseguito poi l’Inno di Mameli.

In campo, per l’Italia Femminile: Manuela Furlan, Michela Sillari, Mariagrazia Cioffi, Paola Zangirolami, Sofia Stefan, Beatrice , Rigoni, Sara Barattin, Elisa Giordano, Isabellla Locatelli, Lucia Cammarano, Alice Trevisan, Flavia Severin, Lucia Gai, Melissa Bettoni, Elisa Cucchiella. A disposizione: Marta Ferrari, Gaia Giacomoli, Michela Este, Elisa Pillotti, Ilaria Arrighetti, Claudia Salvadego, Silvia Folli, Maria Magatti. Coach: Andrea Di Giandomenico

Per il Galles Femminile: Dyddgu Hywel, Elen Evans, Kerin Lake, Robyn Wilkins, Adi Taviner, Elinor Snowsill, Keira Bevan, Caryl Thomas, Carys Phillips, Amy Evans, Rebecca Rowe, Mel Clay, Sioned Harries, Rachel Taylor, Shona Powell-Hughes. A disposizione: Lowri Harries, Cerys Hale, Gwenllian Pyrs, Siwan Lillicrap, Alisha Butchers, Sian Moore, Gemma Rowland, Jessica Kavanagh-Williams. Coach: Rowland Philips

IL MATCH
Ad inizio partita, le gallesi sin da subito dimostrano di avere più ritmo e in avvio muovono il tabellino all’ottavo minuto con il piede di Snowsill dopo un fallo in mischia delle padroni di casa. L’ondata in maglia rossa costringe le azzurre a difendersi all’interno della propria metà campo ma ma al 16′ la superiorità territoriale viene concretizzata dalle ospiti. Dopo una serie di pick&go sui 5 metri, è il numero otto Thomas ad andare oltre per la meritata marcatura del Galles. La meta scuote delle azzurre fin troppo contratte nel prendere l’iniziativa: le ragazze di Andrea Di Giandomenico cominciano a risalire più facilmente il campo, grazie al buon uso del piede tattico da parte di Rigoni e Furlan che non permette alle avversarie di mettere il naso fuori dalla propria difesa. Qualche errore individuale tuttavia porta le azzurre a segnare per la prima volta soltanto al 33′, con un piazzato di Sillari. L’Italia sale ancora di giri e tre minuti più tardi piazza il primo vero affondo. Da touche, l’ovale taglia tutto il campo e libera Sillari sull’out sinistro: il primo tempo si chiude con Furlan che marca l’8-10.

Il secondo tempo si apre con il Galles che torna alla carica e si installa nei 22 azzurri. Un paio di maul ospiti vengono ben disinnescate dalle padroni di casa, ma sul multi-fase impostato dalle gallesi l’Italia subisce: dopo una serie di pick&go centrali, l’ovale viene allargato Hywel che con una finta elude tre placcaggi e marca l’8-15 al 47′. Le azzurre riprendono poi in mano il gioco e spingono indietro il Galles; è Stefan a sfiorare la marcatura inizialmente, ma l’ala viene fermata prima che possa puntare la bandierina. La nazionale azzurra mostra però ancora delle incertezze, troppe, e il Galles si difende bene nella propria zona rossa. Al 60′, le ospiti vengono graziate da un cross kick poco preciso di Beatrice Rigoni, su cui Hywel può chiamare il mark. Le gallesi ne approfittano per risalire lungo il campo e, complice anche l’indisciplina delle azzurre, colpiscono nuovamente con Carys Phillips, che concretizza una rolling maul di venti metri marcando l’8-20.
La reazione italiana non tarda ad arrivare ma, purtroppo, le italiane non riescono a marcare rapidamente e il Galles si salva sui propri 5 metri. Gli ultimi assedi sono contrassegnati soprattutto da troppi errori, che negano all’Italia anche il punto di bonus. Finisce 8-20.

PROSEGUE CUORE SPORTIVO

Intanto, lungo il viale Cavallotti – chiuso al traffico fino a domani per la manifestazione – e i giardini pubblici prosegue l’evento “Cuore Sportivo”, con stand gastronomici e di promozione sportiva e spazi per l’associazionismo e la solidarietà, organizzato dal comune di Jesi e dal Club Rugby Jesi. Questa sera alle ore 21.00 si esibiranno im concerto Brutti di Fosco.
Il weekend all’ insegna dello sport si concluderà poi domani 6 febbraio con l’incontro che vede la Jesina Calcio Femminile impegnata contro la Fiorentina.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*