Omicidio Chiaravalle, trovata l'arma del delitto: è un coltello da cucina | Password Magazine

Omicidio Chiaravalle, trovata l’arma del delitto: è un coltello da cucina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE – Omicidio di Chiaravalle, emergono nuovi elementi utili dalla scena del crimine. Spunta ora l’arma del delitto: è un coltello da cucina, ritrovato dai carabinieri del Ris all’interno dell’appartamento dove Emma Grilli, l’anziana 85 anni di Chiaravalle, è stata trovata uccisa la mattina di martedì scorso dal marito Alfio, 90 anni, che aveva chiamato i soccorsi.

Quel giorno, i carabinieri avevano cercato all’esterno, nel circondario, l’arma del delitto e indizi utili a far chiarezza sulla vicenda: l’ipotesi, quella di un omicidio a scopo di rapina, essendo stato trovato l’appartamento a soqquadro, con alcuni cassetti aperti e gli oggetti spostati. Il killer avrebbe agito tra le 10 – Emma è stata vista uscire di casa poco prima delle 9 per poi rientrare verso quell’ora –  e le 10.45, orario in cui il marito Alfio sarebbe rientrato a casa. L’anziano ha raccontato agli inquirenti di aver trovato la moglie riversa sul lavandino e di averla adagiata a terra. Inizialmente aveva pensato ad un malore: solo dopo si accorgeva della ferita alla gola. Intorno alle 11 chiamava il 118. La mancanza di segni d’effrazione alla porta fanno pensare che la vittima conosceva il suo aggressore e che gli avesse spontaneamente aperto.

Nel pomeriggio di martedì sono arrivati poi i militari del Reparto investigazioni scientifiche da Roma per passare al setaccio l’appartamento al terzo piano della palazzina al civico 19 di via Verdi. Oggi, con il ritrovamento dell’arma del delitto, i Ris hanno completato il loro lavoro.

Nel frattempo all’istituto di medicina legale di Torrette, il dottor Marco Valsecchi ha terminato l’autopsia sul corpo di Emma. Sarebbe stato un fendente (un colpo dall’alto verso il basso), inferto dalla lama del coltello alla gola della povera anziana a causarle la morte. La donna sarebbe stata colpita alle spalle. Riscontrati anche tagli minori all’altezza del torace, sul collo e sulle mani. Segno che la donna ha provato a difendersi dall’aggressione.

Non è ancora chiaro se manca qualcosa dall’appartamento, anche se si sospetta per un gruzzolo di 570 euro che la signora aveva fatto prelevare per sistemare una cappelletta di famiglia al cimitero e che, secondo quanto raccontato dai parenti, sarebbe poi stata versata in giornata. Intanto, presi in esame anche le telecamere della zona e i tabulati del telefono di casa per risalire alle chiamate ricevute ed effettuate quella mattina da Emma.

Resta l’angoscia e il terrore di non conoscere l’identità di un killer a piede libero e che potrebbe agire ancora:è stato aperto un fascicolo d’indagine per omicidio ma contro ignoti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.