Once Upon a Time in Wonderland - La serie di Alice | Password Magazine
Festival Pergolesi

Once Upon a Time in Wonderland – La serie di Alice

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Fedele alla storia originale, in Once Upon a Time in Wonderland la giovane Alice si trova catapultata dall’Inghilterra in un mondo fantastico tramite la tana del bianconiglio. La serie è uno spin-off di C’era una volta, fiction di genere fantasy ideata nel 2011 dalla ABC che narra le leggende e i racconti della letteratura favolesca e delle fiabe, ma impostate al giorno d’oggi, facendo spesso riferimento ai classici Disney. Una traslazione temporale che dovrebbe avvcinare la morale fiabesca alla vita quotidiana, passando per la naturalizzazione dei personaggi e delle vicende.

In questo caso, Once Upon a Time in Wonderland è basato sulle famosissime fiabe di Lewis Carroll e la narrazione procede dal punto di vista di Alice, e tramite alcuni flashback che ci faranno conoscere meglio i personaggi come il Fante di Cuori e la Regina Rossa, che fa una breve ma memorabile prima impressione nel pilota mentre la protagonista sarà una ragazza fragile ma solo in apparenza, dato che ha una forza tale da poter fare da sola e prendersi cura di sé stessa.

Nel cast entre a far parte anche Naveen Andrews noto per la sua interpretazione di Sayid Jarrah in Lost, che prenderà il ruolo del genio cattivo Jafar, si proprio il perfido grand-visir di Aladin. In questa serie Alice è lontana dalla ragazzina sbadata e incosciente che siamo abituati a conoscere per trasformarsi in una sorta di guerriera, amante, eroina, insomma tutte le caratteristcihe che comportano la “messa in TV”. Forse davvero troppo lontana dallo spirito che Carroll ha voluto imprimergli, ma la costruzione di un trama che riesca ad attirare un gran numero di spettatori deve essere spesso semplificata in due o tre regole che sempre si ripetono in ogni storia ed ogni film da almeno 20 anni. E’ quel “modello americano” che sacrifica la narrazione per la buona riuscita del prodotto, magari, come in questo caso, puntando più sugli effetti speciali e sulla fama pregressa del soggetto. Non sembra errato affermare che in un film o una serie debbano obbligatoriamente esserci: una storia d’amore e tutte le complicazioni annesse, un buono e un cattivo, un ostacolo da superare, un eroe e un anti-eroe, un aiuto per superare le difficoltà, il finale più o meno lieto.

In definitiva, a pensare bene, ancor prima di vedere una serie del genere si potrebbe immaginare già il suo finale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.