Onsur Italia: «Dalla Vallesina tanta solidarietà per il popolo siriano» | Password Magazine

Onsur Italia: «Dalla Vallesina tanta solidarietà per il popolo siriano»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANGELI DI ROSORA – A dieci anni dalla rivoluzione in Siria, l’associazione Onsur Italia, con sede e magazzini in Vallesina, fa un bilancio dei risultati ottenuti.

«Dalle manifestazioni pacifiche del 2011 si è arrivato in poco tempo ad una guerra crudele che ha causato un milione di morti circa, più di 10 milioni di profughi, scuole ospedali e intere città rase al suolo. Attacchi chimici stupri e arresti di massa – spiega il presidente di Onsur Italia Ahmad Amer Dachan – e ancora oggi nel 2021 continua il bagno di sangue».

L’associazione Onsur Italia, campagna mondiale di sostegno al popolo siriano, è nata ufficialmente nel 2012. Da allora, il coordinatore Dachan con l’ausilio di volontari si occupa di guidare le missioni, curando tutto l’aspetto logistico, dalla raccolta all’invio degli aiuti: «Ad oggi abbiamo compiuto 24 missioni umanitarie, sedici all’interno del territorio siriano, otto al confine turco/siriano – precisa Dachan -. Abbiamo consegnato 104 ambulanze, spedito circa 40 container carichi di medicine, cibo, vestiti, coperte, scarpe, sacco a pelo, tende e materiale scolastico e sanitario e tanti altri beni di prima necessità. Sempre convinti di voler far vincere la pace e l’amore contro le guerre e ogni terrorismo».

128580062_3393592097433642_7185553718288204506_o

La Vallesina ha avuto un ruolo fondamentale in quanto tutti i container sono partiti da Angeli di Rosora: «Anche se l’associazione è a carattere nazionale, i marchigiani si sono dimostrati sempre un popolo generoso e altruista – aggiunge il presidente -. Ad oggi l’associazione conta il più alto numero di ambulanze e materiale sanitario/medicine e missioni effettuate a favore del popolo siriano, tanto che si colloca con questi numeri alle prime posizioni a livello europeo per aiuti inviati». L’attività di Onsur Italia prosegue nonostante l’emergenza pandemica: «Non abbiamo mai abbandonato il popolo siriano, la crisi sanitaria ha azzerato le donazioni economiche ma non quelle materiali. Abbiamo fatto partire un carico anche questo fine settimana – aggiunge il presidente -. Inoltre, durante questo anno abbiamo contribuito con la donazioni di presidi sicurezza a Comuni, Caritas, ospedale di Jesi e altri enti del territorio».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.