Open Day Agende Rosse, per conoscere l’impegno civile del movimento

JESI – Che cosa è successo davvero a Palermo, in Via D’Amelio, il 19 luglio 1992? Chi era presente tra le macerie fumanti subito dopo l’esplosione che uccise Paolo Borsellino e la sua scorta?
Perché non sono state mai individuate e interrogate alcune delle persone che si trovavano sul luogo della strage e che avrebbero potuto riferire elementi utili?
Quante volte è stata davvero asportata la borsa di Paolo Borsellino dalla sua macchina in fiamme?
Su queste domande una seria attività d’indagine, una vera e propria inchiesta volontaria, condotta in completa solitudine e “parallela” a quelle ufficiali degli inquirenti e della magistratura, è stata svolta da una delle colonne portanti del Movimento delle Agende Rosse, Angelo Garavaglia Fragetta. Con il suo gravoso e paziente lavoro di anni, svolto con metodi particolari e davvero suggestivi, ha realizzato il video che verrà presentato sabato 19 gennaio a Jesi alle ore 18.00, durante il convegno “Che fine ha fatto l’agenda rossa di Paolo Borsellino”, al quale parteciperà anche Marco Bertelli, uno dei fondatori del Movimento Agende Rosse e coautore de “Paolo Borsellino e l’agenda rossa”.
Vogliamo ricordare Paolo Borsellino nel giorno del suo compleanno mostrando questo documento inedito, che essendo un preziosissimo passo avanti nella ricerca di verità sulla strage di Via D’Amelio, rappresenta il modo migliore per rendergli omaggio.

 

Agende Rosse Prov. Ancona

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*