Opera a scuola, le quinte del “Cappannini” incantano al Pergolesi

JESI – Scuole a teatro. È avvenuto anche a Jesi, grazie al progetto Scuola in Canto, che ha già coinvolto sette regioni italiane e 50mila studenti, per la bellezza di 178 repliche, con più di cento attori divisi in diversi cast, 70 musicisti e oltre 800 audizioni per selezionare cantanti, strumentisti, acrobati e ballerini. Realizzata dall’associazione Europa in Canto, l’iniziativa mira ad avvicinare le nuove generazioni all’opera lirica con un coinvolgimento diretto di scuole, famiglie e teatri. Protagonista per il 2019 Turandot, la celebre opera di Giacomo Puccini, nel riadattamento drammaturgico di Nunzia Nigro, cui i ragazzi si sono avvicinati per il tramite di un’accurata preparazione, in vista dello spettacolo finale, abbellito anche dai costumi di loro creazione. Proposta a varie scuole primarie e secondarie di primo grado, l’offerta formativa di Europa InCanto ha trovato nella Fondazione Pergolesi Spontini il suo referente locale e ha raccolto l’adesione convinta di vari istituti di Senigallia, Falconara, Osimo e Jesi. Lunedì 20 si sono esibite, accanto ai giovani degli istituti comprensivi di Falconara Centro e Raffaello Sanzio di Falconara, le classi V delle sezioni A e B della primaria Cappannini della nostra città, accompagnate dalla dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo San Francesco, Lidia Prosperi e dalle insegnanti Letizia Valentini, Stefania Bernardi, Arianna Marchegiani, Daniela Mandolini e Stefania Lancioni. In un teatro Pegolesi percorso dalla stessa emozione di una prima, i bambini hanno calcato le scene con il fare consumato dei veri artisti, duettando con bravura al fianco di Turandot e Calaf, rispettivamente Marianna Mennitti e Alberto Marucci, e degli altri cantanti di Europa InCanto, sulle note dell’Orchestra Eico diretta da Germano Neri, per la regia di Lisa Capaccioli, le scene di Danilo Mancini e gli splendidi costumi di Francesco Morabito. Un riadattamento snello ma convincente, capace di creare un’alchimia perfetta tra i professionisti e i giovanissimi cantanti: bravi i primi nel muoversi accanto ai loro esordienti partners e toccanti i secondi, per l’evidente coinvolgimento emotivo. Dentro e fuori dal teatro. Sintomatico, in tal senso, l’aneddoto di una mamma di ritorno dalla gita scolastica a Roma delle classi jesine, proprio alla vigilia del debutto, quando lungo la centralissima via Del Corso, i ragazzi hanno spontaneamente intonato il Nessun dorma. Un esperimento da ripetere insomma ed al quale sarebbe auspicabile una partecipazione di altre scuole cittadine. Che aggiungere? Mai come stavolta può dirsi valido il motto, preso a prestito dal gergo cinematografico, “buona la prima!”

A cura di Marco Torcoletti

1 Commento su Opera a scuola, le quinte del “Cappannini” incantano al Pergolesi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*