Opera Panica

 L’Associazione teatrale “La Perla Nera” presenta “Opera Panica” di Alejandro Jodorowsky. Sabato 10 marzo (ore 21,15) al Teatro di Maiolati Spontini. Incasso a favore del “progetto scuola”.

L’associazione di volontariato Onlus “Il Battito che Unisce” di Moie organizza un nuovo evento per sostenere il “progetto scuola”, cioè la realizzazione di un collegio in Tanzania. Un obiettivo al quale lavora intensamente da quattro anni promuovendo iniziative come spettacoli, giochi e animazioni per raccogliere i fondi necessari.

Il prossimo appuntamento sarà sabato prossimo (10 marzo) alle ore 21,15 con la rappresentazione dal titolo “Opera Panica” di Alejandro Jodorowsky presentata dall’associazione teatrale “La Perla Nera”. Lo spettacolo si terrà al Teatro Spontini di Maiolati Spontini.

“Opera Panica” nasce nel 2001 dal genio dell’autore cileno Jodorowsky rifacendosi alle creazioni tanto assurde quanto poetiche e filosofiche dei pagliacci che Jodorowsky ebbe l’opportunità di vedere nel suo paese natale. Si tratta di una sequenza di quadri segnati da rapidi passaggi di luce/buio che raccontano con ironia tragicomica l’uomo e le sue relazioni, i suoi tormenti, le sue insoddisfazioni e le sue passioni, passando da un umorismo nero a momenti esilaranti. I personaggi dell’”Opera Panica” raccontano, come dice lo stesso autore, che “l’uomo panico non si pone la questione di sapere se bisogna cercare una soluzione, ma propone il maggior numero di soluzioni possibili”.

Sul palco, per la regia di Franck Provvedi e la collaborazione tecnica di Andrea Marcoaldi e Simone Mosca, dieci dei componenti dell’associazione “La Perla Nera”: Alessandra Buschi, Roberta della Bella, Miro del Moro, Maria Grazia Ferretti, Sara Gambini Rossano, Debora Luconi, Marco Nuccitelli, Antonella Piersigilli, Maria Vittoria Saja e Dusca Urbani.

L’incasso dello spettacolo sarà devoluto per il collegio in Tanzania. L’intera compagnia “La Perla Nera”, condividendo il nobile progetto della raccolta fondi per la scuola, lavorerà a fronte di un semplice rimborso spese mentre il Foto Club Avis di Moie, che si occuperà delle foto, si metterà a disposizione a titolo completamente gratuito.

L’associazione Onlus “Il battito che unisce” ha coinvolto anche i dirigenti scolastici del Liceo scientifico e del Liceo classico di Jesi che si sono dimostrati collaborativi nel promuovere l’iniziativa ai ragazzi dei loro istituti. L’associazione ringrazia per il sostegno Banca Marche, Sogenus spa, Fondazione Pergolesi Spontini, Ottica Franco Carletti, il Centro yoga Shambhala, tipografia Abbatelli, Dress shop, Omeopatia Gocce di salute e Foto club Avis Moie.

Per ulteriori informazioni si può inviare una mail a ilbattitocheunisce@alice.it.

 

comunicato da: Il Battito che unisce

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*