Operazione Ultimo Miglio, intensificati i controlli della Polizia: capoluogo "supervigilato" | | Password Magazine

Operazione Ultimo Miglio, intensificati i controlli della Polizia: capoluogo “supervigilato”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Continuano, infatti, i controlli straordinari del territorio: le pattuglie della Polizia sono particolarmente impegnate in operazioni mirate finalizzate a prevenire e contrastare tutti i reati predatori, con particolare riguardo ai furti nelle abitazioni, identificare cittadini extracomunitari, pattugliare i luoghi frequentati maggiormente da tossicodipendenti, pregiudicati, clandestini, bordeline e alcolisti con contestuale filtraggio dei movimenti di persone e mezzi nei punti nevralgici della città.

Le Volanti, in particolare, perlustrano quotidianamente le strade a maggiore circolazione, soprattutto quelle che portano alle località turistiche, la stazione ferroviaria, il porto, le piazze, i parchi, i quartieri ritenuti più a rischio, senza tralasciare parcheggi, centri commerciali e locali pubblici interessati da un continuo flusso di avventori.

Particolare attenzione è rivolta agli Uffici Postali che con l’inizio del mese sono particolarmente affollati per la riscossione delle pensioni e per i versamenti di tasse ed imposte straordinarie.

L’attività di vigilanza dinamica e dedicata, fortemente voluta dal Questore Capocasa si inserisce anche nell’ambito del progetto contro le truffe ai danni delle persone anziane.

Nelle ultime ore, si è conclusa l’operazione Ultimo Miglio, un’operazione ad alto impatto disposta dal Superiore Ministero e che ha visto in tutta Italia una intensificazione da parte della Polizia di Stato di posti di controllo in prossimità degli accessi dei  centri urbani, volti alla identificazione dei conducenti di automezzi per trasporto collettivo di persone e dei furgoni e mezzi pesanti, transitanti nelle città e nelle aree pedonali.

L’operazione “Ultimo miglio” ad Ancona è stata effettuata da pattuglie della Squadra Volante, dalle Unità Operative di Primo Intervento, dal Reparto Prevenzione Crimine, dalla Polizia Stradale, dal Gabinetto Polizia Scientifica e dal personale della Questura e dei Commissariati di P.S. di Jesi, Fabriano, Senigallia e Osimo.

Sono 221 gli automezzi controllati, 281 le persone ispezionate di cui 205 italiani e 76 stranieri; di questi 64 erano già noti alle forze di polizia, 3 avevano ricevuto denunce. E’ di 17 il numero dei contravvenzioni al CdS mentre i mezzi sequestrati sono 2. 

EVADE DAI DOMICILIARI, ARRESTATO UN COLOMBIANO

Durante l’operazione “Ultimo Miglio”,  la Squadra Mobile della Questura di Ancona, diretta dal VQA Dott. Carlo PINTO, ha dato esecuzione ad un’Ordinanza di aggravamento della Misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di G.P.V., colombiano di 37 anni, residente ad Ancona.

L’uomo, che si trovava già agli arresti nella propria abitazione per i reati di rapina aggravata nonché per lesioni aggravate commessi lo scorso agosto (2017) in concorso con una donna ed un altro uomo, ai danni di un italiano, trasgrediva la prescrizione cautelare “evadendo” dal proprio domicilio dove avrebbe dovuto permanere. All’epoca dei fatti, i poliziotti delle Volanti,  dirette dal VQA D.ssa Cinzia NICOLINI lo arrestavano per evasione il 27 agosto 2017 mentre veniva trovato fuori dal proprio domicilio, precisamente all’interno di un esercizio pubblico di c.so Carlo Alberto, tra l’altro in evidente stato di ubriachezza che ne aggravava la sua posizione.

All’atto dell’arresto per evasione, G.P.V. opponeva anche una violenta resistenza nei confronti dei poliziotti proferendo, nel contempo, frasi minacciose e ingiuriose nei loro confronti.

Nelle prime ore della mattina di ieri, i poliziotti della Squadra Mobile, in esecuzione del provvedimento di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari, raggiungevano il colombiano nella propria abitazione di Ancona e lo traducevano presso la Casa Circondariale di Montacuto in regime di Custodia Cautelare in Carcere, così come disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ancona.

RITROVATA AUTO RUBATA E RESTITUITA AL PROPRIETARIO

Una pattuglia della Squadra Volante impegnata nei controlli straordinari del territorio notava un’autovettura parcheggiata in zona via Brecce Bianche la quale sembrava essere stata parcheggiata in maniera approssimativa davanti ad un’area condominiale. Da un controllo incrociato ai terminali risultava una denuncia di furto della Fiat 600: il malcapitato proprietario nel lontano 2015 ne aveva denunciato il furto.

Verosimilmente utilizzata dai malviventi per ben due anni che hanno pensato bene ieri di riportarla nel capoluogo ove abita ancora il  proprietario.

Dopo tutti gli accertamenti e i rilievi per evidenziare eventuali tracce dei ladri, i poliziotti telefonavano al proprietario, un anconentano di 80 anni che oltremodo felice e grato alla Polizia di Stato giungeva sul posto e tornava in possesso del veicolo.

IN FUGA DAL PORTO UOMO VENTOSA, BECCATO DALLA POLIZIA

Ieri pomeriggio una pattuglia della Squadra Volanti effettuava un posto di controllo all’uscita del porto.

Nel corso dei controlli dei veicoli che sbarcavano e diretti ad Ancona Nord gli agenti notavano aggrappato a ventosa al sotto scocca di un TIR un individuo, afgano, di 26 anni che tentava di entrare in Italia cercando di eludere i controlli.

L’uomo una volta rifocillato veniva affidato alla locale Polmare per le procedure di respingimento attivo alla frontiera e il successivo rimpatrio.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.