«Ora siamo in due», opera postuma di Manuel Rossini a un anno dalla scomparsa | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Ora siamo in due», opera postuma di Manuel Rossini a un anno dalla scomparsa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PIANELLO VALLESINA – Sta per uscire nelle librerie «Ora siamo in due», opera postuma di Manuel Rossini nel primo anniversario dalla scomparsa. È passato un anno da quel triste 8 giugno, quando il giovane filosofo e docente di fama internazionale, originario di Pianello Vallesina, ha lasciato questa vita a soli 40 anni, dopo aver coraggiosamente lottato contro una lunga malattia.

A metà giugno uscirà il libro, edito dalla casa editrice Le Mezzelane, a lui dedicato: i proventi della vendita andranno a sostegno dell’associazione Iom Jesi e Vallesina.

«Manuel in questo suo scritto appare, senza volerlo, come un eroe moderno – si legge nella quarta di copertina -. Grazie al suo coraggio e alla sua tenacia, riesce infatti a mostrare come la malattia e il dolore siano in grado di concedere un nuovo spaccato sulla realtà. Dalle sue riflessioni, anche quelle più amare e cariche di dolore, emerge la consapevolezza di come la vita sia un dono inestimabile e di come ogni sua manifestazione possa acquistare un valore del tutto speciale». Un invito a meditare su ciò che si ha e ciò che sfugge nella quotidianità: «La volontà di attribuire un significato a ogni cosa, ci ricorda Manuel, dovrebbe lasciare spazio, almeno di tanto in tanto, alla volontà di trovare una felicità ingenua anche nelle piccole cose».
Era previsto un evento di presentazione in presenza ma, a causa dell’emergenza sanitaria, sarà presto diffuso online un video descrittivo dell’opera.

 

Manuel Rossini, nato a Jesi il 29 marzo 1979, laureato in Filosofia all’Università di Bologna, ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia e Antropologia presso l’Università di Parma. Trasferitosi in Germania nel 2005, è stato docente incaricato di Filosofia presso il Seminario cattolico Collegium Borromeum di Freiburg i. Br., docente incaricato di Filosofia e di Sociologia all’Università di Freiburg i. Br., e ha svolto attività di ricerca presso il Leibniz-Institut für Europäische Geschichte di Mainz.

Ha proseguito la sua carriera di docente incaricato di Sociologia presso l’Università di Basel (Svizzera). Nel dicembre 2016 è rientrato in Italia e nel 2017 ha tenuto un corso presso l’Università di Bologna. È stato membro della “Helmuth Plessner Gesellshaft”.

Ha scritto, tradotto e recensito per numerose riviste nazionali e internazionali, e ha pubblicato libri e monografie: Karl Löwith: la questione antropologica (2009); con Luca Montanari L’ambivalenza della modernità (2014); I non luoghi dell’inumano (2015); ha curato e tradotto l’edizione integrale del carteggio tra Karl Löwith e Leo Strauss, Oltre Itaca. La filosofia come emigrazione (2012). Uscirà postumo un libro su Ernst Jünger.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.