Ordinanza regionale, cosa cambia da oggi per la provincia di Ancona | Password Magazine

Ordinanza regionale, cosa cambia da oggi per la provincia di Ancona

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Provincia di Ancona blindata da oggi fino a sabato 20 febbraio. Lo dispone l’ordinanza regionale, la 3 del 16/02 firmata dal presidente Francesco Acquaroli, che vieta dalle 8 di questa mattina alle 24 di sabato gli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio della provincia di Ancona, salvo comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, didattica in presenza laddove consentita, motivi di salute, rientro alla propria abitazione, transito verso territori non soggetti a restrizioni. Per recarsi dunque in altre province sarà necessario dotarsi di autocertificazione.
L’ordinanza non parla di zona rossa ed è consentito dunque spostarsi all’interno della provincia anconetana.

Un provvedimento preso da Acquaroli considerato l’incremento nella provincia di Ancona di alcuni indicatori: ad iniziare dal tasso di positivi su 100 mila abitanti che è in crescita rispetto alla media regionale,  «pari rispettivamente a 279,17 e 173,46 nella settimana dall’8 al 14 febbraio» si legge nell’ordinanza.
Inoltre, l’ordinanza tiene conto anche della «presenza della variante inglese nei campioni a random regionali e in particolare nella provincia di Ancona» e dell’incremento del tasso di occupazione dei posti letto in area intensiva  (35,6% il 15 febbraio) e medica (45,7% alla stessa data) «in particolare negli ospedali della provincia di Ancona».

Nell’ordinanza il presidente della Regione specifica inoltre che «considerata l’interlocuzione con la cabina di regia del ministero della Salute che, visti i dati regionali, raccomanda cautela e l’adozione di misure di mitigazione nelle aree colpite’, si ritiene necessario in forza del principio di precauzione ‘adottare provvedimenti limitativi al fine di evitare l’ulteriore diffusione del contagio».

Valeria Mancinelli, sindaco di Ancona: «Una misura che l’Istituto Superiore di Sanità ha di fatto suggerito alla Regione. Il presidente della Regione ha dunque adottato la relativa ordinanza».

Così la prima cittadina del capoluogo regionale commenta il provvedimento:  «I dati dicono che nella nostra provincia il virus sta viaggiando più speditamente che in altre parti e occorre adottare misure per limitarne la diffusione. Al di là delle ordinanze, fate maggiore attenzione comunque per voi, per le vostre famiglie, per tutta la comunità. E teniamo duro».
Roberto Ascani, sindaco di Castelfidardo: «Questo è l’unico provvedimento che è stato deciso dal Presidente Acquaroli». Critico il primo cittadino del Comune che ha registrato casi di variante inglese in alcune scuole: «L’Asur regionale ha presentato una situazione sotto controllo con dati in netto miglioramento su base provinciale quindi si è ritenuto opportuno non attuare altre misure – commenta sul suo profilo social -. Mi dispiace che non sia stata accolta la mia richiesta di effettuare un ulteriore monitoraggio ai plessi scolastici dove si è rilevata la variante inglese. Sono certo che avrebbe contribuito ad avere un quadro più chiaro della situazione del contagio.
Giovedì faremo un ulteriore punto della situazione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.