Ori di Jesi, arriva la targa "Via degli Orefici" in dono dall'Ente Palio | | Password Magazine

Ori di Jesi, arriva la targa “Via degli Orefici” in dono dall’Ente Palio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La via degli Orefici, oggi via Pergolesi, sarà evidenziata con una targa.

Maria Marchegiani a lavoro nel suo laboratorio

Sarà presto realtà il progetto dell’associazione «Ori di Jesi», composta da orafi e gioiellieri della città e presieduta da Maria Marchegiani, a lavoro per la valorizzazione della tradizione orafa jesina che affonda le proprie radici nel Cinquecento.
Sarà l’Ente Palio San Floriano a donare un contribuito per la realizzazione e affissione della targa in marmo “via degli Orefici” all’associazione Ori di Jesi: l’ufficializzazione con il passaggio di consegna di un assegno simbolico avverrà domenica, poco prima della Tombola.  Maria Marchegiani, accompagnata dal presidente dell’Ente Palio Emanuel Santoni, racconterà dalla terrazza il progetto utile a riqualificare e valorizzare la cultura e la realtà orafa che ha distinto Jesi nei secoli e continua ancora oggi. «Il centro storico, che ogni anno offre i suoi spazi per realizzare una manifestazione imponente come il Palio, riceverà dagli organizzatori questo piccolo regalo» fa sapere l’associazione di rievocazione storica jesina.
La targa sarà inaugurata a Natale, insieme all’apertura del museo dell’arte orafa che sarà allestito a Palazzo Bisaccioni: «Il museo raccoglierà  attrezzi, materiali e oggetti di quell’oreficeria jesina che stiamo raccogliendo tramite collezionisti privati, archivi storici ritrovati, orafi che detengono attrezzi originali del 500 – fa sapere Maria Marchegiani -. In progetto c’è anche la realizzazione di un volume di raccolta e di un sito. Il brand Ori di Jesi sta per sbarcare anche a Milano con la partecipazione condivisa ad una mostra. Le iniziative sono tante, speriamo di realizzarle tutte: tra queste, anche la riqualificazione degli spazi del chiostro Sant’Agostino, un tempo sede di botteghe, magari in collaborazione con i ragazzi del Liceo Artistico». Obiettivo, rafforzare l’identità di Jesi come la Ponte Vecchio di Lucagnolo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.