Ospedale Jesi, riduzione medici pronto soccorso, Giancarli: “Servono fatti, non parole”

JESI – Il consigliere regionale PD, Enzo Giancarli, interviene nel dibattito sul pronto soccorso del Carlo Urbani, ribadendo forti azioni, se necessarie, pur di garantire il diritto alla salute dei cittadini.

“Nell’intera legislatura, conclusa lo scorso anno, il Carlo Urbani di Jesi è stato l’unico nuovo ospedale realizzato e ultimato nella regione Marche. Nonostante ciò, in quegli anni, si è fatto un gran parlare dell’attenzione e della concentrazione delle risorse della sanità marchigiana su Fabriano, in quanto si realizzava quella “scatola vuota” sede dell’Area Vasta 2.

Jesi non ha soltanto ultimato l’ospedale, ma, per tecnologie, posti letto, dotazione organica, unità operative semplici e dipartimentali, primariati, ha un ruolo centrale nell’Area Vasta 2.

Quanto all’assenza di medici al pronto soccorso, non servono parole ma fatti. Considerato, quindi, che il piano sanitario regionale stabilisce con chiarezza il peso e i compiti del Carlo Urbani, non sono giustificabili carenze di organico, tanto più in un luogo di frontiera come il pronto soccorso.

Pertanto il direttore dell’Asur, quello dell’Area Vasta 2, la Direzione sanitaria del Carlo Urbani facciano, ognuno per le proprie competenze, quanto di dovere, anticipando anche situazioni che, se non risolte tempestivamente, creano soltanto disagio ai cittadini.

Da parte mia continuerò, interessando il Presidente Ceriscioli, nelle sedi preposte a battermi per garantire a Jesi, alla Vallesina, ai marchigiani il diritto alla salute. Sui diritti dei cittadini non escludo azioni eclatanti. Ricordo che per l’ultimazione del Carlo Urbani, fra le tante azioni, ho minacciato l’assessore Mezzolani di occupare l’Aula consiliare”.

Comunicato da Enzo Giancarli

Consigliere regionale PD

1 Commento su Ospedale Jesi, riduzione medici pronto soccorso, Giancarli: “Servono fatti, non parole”

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*