«Ospedale Murri, una nuova mission nell'ambito dell'assistenza » | | Password Magazine

«Ospedale Murri, una nuova mission nell’ambito dell’assistenza »

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’ospedale Murri da recuperare e destinare all’ambito assistenziale.  È il futuro che sogna il dottor Marco Candela, primario di Medicina al Carlo Urbani di Jesi, per il vecchio nosocomio di via dei Colli. Una riflessione nata in occasione dell’undicesimo anniversario dalla sua costruzione e che il dottor Candela descrive come la sua «donchisciottesca crociata». Un domani, dunque, tutto da reinventare partendo da un passato esemplare nel trattamento delle patologie tubercolari, respiratorie e muscoloscheletriche e da un presente come sede di alcune attività assistenziali complementari al Carlo Urbani e di uffici amministrativi. «Il Murri può ancora dare molto al territorio – spiega Candela -. Da alcuni anni sto cercando di trasmettere con entusiasmo e pertinacia sia nella comunità locale quanto nelle sedi ‘decisionali’ l’importanza di un suo completo recupero». Secondo il primario di Medicina, l’ospedale potrebbe avere un ruolo centrale nell’ambito della filiera assistenziale: «Una rete virtuosa con il Carlo Urbani – spiega il medico -, dai livelli di cure intensive fino alla domiciliarizzazione all’interno di una ‘Cittadella della salute’ deputata alla cura di fragilità, cronicità e disautonomie». Il Murri potrebbe così svolgere il ruolo di «ammortizzatore assistenziale» a favore di alcune dimissioni che Candela definisce «difficili» in un ospedale come il Carlo Urbani oggi sottodimensionato rispetto ai bacini di utenza per cui decenni fa venne progettato: «Potrebbe essere la soluzione per molti pazienti jesini, anziani o fragili che siano, in alternativa agli ‘inumani’ trasferimenti verso le RSA territoriali – spiega il primario -. Immaginate cosa significa dire a un 90enne jesino e ai suoi familiari che dal reparto dovrà spostarsi a Cingoli, Filottrano, Montecarotto o Cupramontana». Di fatto, posti di residenza sanitaria assistenziale a Jesi non ce ne sono, seppur si parla di introdurne una ventina nella casa di riposo di via Gramsci dopo i lavori di ristrutturazione, ancora da avviare . «Una nuova mission territoriale del vecchio nosocomio – puntualizza il medico – permetterebbe anche al Carlo Urbani di far decollare le proprie attività». Una riflessione che sarà affrontata OGGI, durante la presentazione del saggio storico «Il Murri di Jesi, un illustre passato e un futuro da scrivere» nato proprio da un’idea del dottor Candela.
a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.