Ospedale, passerella di politici? | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ospedale, passerella di politici?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono parole di indignazione quelle arrivate dalla candidata regionale pentastellata Romina Pergolesi, di Jesi, circa i recenti sopralluoghi all’ospedale “C.Urbani” dei due aspiranti governatori delle Marche Spacca e Ceriscioli.

“Prima Spacca. Poi Ceriscioli.

Politicamente disgustosa la passerella di questi giorni dei due amanti traditi del “Sistema Marche” all’Ospedale Carlo Urbani di Jesi, accompagnati magari da qualche ri-candidato/consigliere regionale uscente della zona.

L’Ospedale è un luogo di cura e di rispetto per chi sta male e per gli operatori che cercano fra mille difficoltà di garantire comunque cure e servizi adeguati, nonostante le scelte scellerate dei due politici o dei loro partiti fatte di tagli senza senso, di sprechi di danaro e di depotenziamento della Sanità pubblica magari a vantaggio di quella privata o a pagamento.

Sembrava si fossero dimenticati degli ospedali, dei pazienti e degli operatori quando i loro partiti governavano la Regione. Invece se ne ricordano ben bene quando è il momento di venirci a fare comizi pre elettorali.

Parlano di riforma sanitaria non attuata o non adeguata. Parlano di quello che occorrerebbe fare. Entrambi, come se non avessero governato la Regione e la Sanità regionale negli ultimi 10 anni.
Questi politici “esperti” e di “mestiere”, che anche con queste uscite inopportune e fuori luogo (nel vero senso della parola) contribuiscono a rendere carta straccia la loro dignità politica e la credibilità loro o dei loro partiti, non meritano più di governare la nostra Regione. E i cittadini non possono più lasciare in mano a questi soggetti la propria Salute e la Sanità Pubblica.

Mentre proseguono i proclami elettorali al Carlo Urbani, continuano ad arrivare notizie sui disagi che le politiche sulla Sanità degli ultimi anni creano quotidianamente a cittadini e lavoratori del settore.

E’ di oggi quella riguardante la riduzione di ulteriori 32 posti letto a causa del piano ferie in vigore dal 1 giugno 2015, che vanno ad aggiungersi ai 54 già oggi inutilizzati per carenza di personale.
E’ OVVIO E GIUSTO che i lavoratori possano usufruire delle ferie. Ma poiché si parla di Salute e di diritti primari dei cittadini, in una situazione in cui già i posti letto non sono attivati per mancanza di personale ed in cui il Pronto Soccorso è già intasato con pazienti in barella anche 36 ore per le medesime ragioni, la diminuzione dell’organico va programmata e concordata tempestivamente, prevedendo un adeguato impiego di risorse economiche ed umane per evitare di ridurre ulteriormente il servizio.

Come MoVimento 5 Stelle da sempre abbiamo indicato i nostri indirizzi, per una Sanità pubblica in cui i tagli vanno fatti agli sprechi e ai privilegi e non al servizio e al personale.
Una Sanità fatta anche di rispetto delle norme e dei diritti dei cittadini che già oggi ci sono ma che sono palesemente e sfacciatamente violati.
Un esempio fra i tanti possibili: il rispetto dei tempi massimi di attesa per visite specialistiche o prestazioni diagnostiche, in merito alle quali il M5S ha messo in campo da mesi una campagna informativa a tappeto sul territorio per informare i cittadini dei loro diritti, e per le quali stiamo facendo votare ed approvare nelle Aule dei Consigli Comunali dove siamo presenti delle delibere di indirizzo volte ad impegnare i Sindaci e le Amministrazioni ad esigere il rispetto della legge.

Crediamo che non abbia senso pensare di risolvere i problemi continuando a votare quelli che li hanno creati.
Questo vale sempre, ed a maggior ragione quando in ballo ci sono Salute e diritti dei cittadini”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.