Ospedale, sos zanzare. Il Tribunale del Malato: "Anche cucine sorgeranno su vasche di accumulo" | | Password Magazine
Banner4Baffi

Ospedale, sos zanzare. Il Tribunale del Malato: “Anche cucine sorgeranno su vasche di accumulo”

JESI – Allarme zanzare al Carlo Urbani, il Tribunale per i Diritti del Malato è già a lavoro per affrontare l’emergenza: “Come ogni anno, con l’avvento della stagione calda le zanzare fanno la loro comparsa nei reparti del Carlo Urbani, il TDM ha già segnalato nei giorni scorsi la loro presenza in Ortopedia e Pronto Soccorso”.

Il Tribunale per i Diritti del Malato tranquillizza i pazienti: “La Direzione ospedaliera ci ha assicurato che farà una ulteriore disinfestazione delle zone perimetrali dell’ospedale oltre quelle già previste a programma”. Anche se, aggiunge, “ormai lo diciamo da tempo che disinfestare non risolve il problema : da tempo abbiamo chiesto alla Direzione Generale della ASUR di installare pompe di sollevamento acqua nei sotterranei del nosocomio che tutti sappiamo è stato realizzato su falde acquifere”.

E ancora: “Le vasche di accumulo sono sempre piene di acqua (si spera quella chiara ma li sotto passano anche quelle nere) e sono divenute la sede ideale per la proliferazione delle larve di zanzare ma anche di  altri insetti”.

Secondo il drettore Medico PO Jesi. Dr.ssa Virginia Fedele l’emergenza zanzare è da sempre sotto controllo, grazie a periodiche disinfestazioni: “La siccità di questi giorni ha purtroppo favorito la proliferazione degli insetti anche se il problema è diminuito rispetto gli anni precedenti. Eravamo a conoscenza della situazione e già da un paio di giorni avevamo allettato la disinfestazione. Ovviamente ci sono tempi tecnici da rispettare per portare a termine la procedura”. Un paziente aveva denunciato anche in una lettera inviata al consigliere comunale Samuele Animali (Jesi in Comune) le raccomandazioni del personale ospedaliero tramite cartelli nei reparti di tenere porte e finestre chiuse per non fare entrare insetti: “In realtà, la raccomandazione è finalizzata a preservare la climatizzazione interna all’ospedale” è la risposta della Fedele.

Rassicurazioni che però non sono sufficienti per il Tribunale per i Diritti del Malato, secondo cui  la problematica potrebbe non riguardare solo le Unità Operative ma rappresentare un aspetto da tenere molto in considerazione quando da qui a poco inizieranno i lavori di realizzazione delle nuove cucine che funzioneranno proprio sopra vasche di accumulo. 

“La Asur è sorda di fronte alle nostre ripetute richieste – è la denuncia del Tribunale per i Diritti del Malato  – e quindi ci auguriamo di avere presto sulla questione una fattiva  collaborazione  della nuova amministrazione comunale in quanto la problematica qui segnalata ha importanti implicazioni dal punto di vista dell’igiene e sanità pubblica”. 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.