Ospedale, Tribunale Diritti Malato: "Modificare viabilità e sosta a tariffa per visitatori" | | Password Magazine
Lulù  

Ospedale, Tribunale Diritti Malato: "Modificare viabilità e sosta a tariffa per visitatori"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

 

JESI –  Una modifica della viabilità per l’accesso all’ospedale e per regolamentare la sosta all’interno dell’area ospedaliera: questa la proposta avanzata dal Tribunale per i Diritti del Malato di fronte all’emergenza e al rischio incidenti: “Di tutto ciò ne avevamo già parlato tempo fa con il consigliere Marco Giampaoletti  di Insieme civico e con l’assessore Bucci nel corso di un sopralluogo al Carlo Urbani – fa sapere in una nota stampa il presidente Pasquale Liguori –  Gli stessi avevano condiviso la necessità non rinviabile di apportare modifiche alla viabilità che mette a serio rischio l’incolumità delle persone dimostrandosi disponibili a portarla avanti”.

La proposta del Tribunale per i Diritti del Malato  prevede anzitutto la modifica del senso di marcia sulla strada di accesso al Carlo Urbani, con riferimento all’ultimo tratto di Via Aldo Moro; senso unico a salire con doppia corsia per le auto; una corsia riservata e ben delimitata per i mezzi di soccorso.

“Attualmente questo tratto di strada è a doppio senso di marcia con un pericoloso incrociarsi di auto e di ambulanze al punto di snodo con l’accesso al Pronto Soccorso ed ai parcheggi, dove spesso avvengono incidenti – dichiara Liguori – Con questo nuovo senso di marcia i percorsi di uscita (due soltanto) per le auto sarebbero solo quelli che portano verso Via dei Colli (ingresso del vecchio Murri), riservando l’attuale uscita verso la camera mortuaria solo alle auto autorizzate con permesso (dipendenti,disabili,donatori ecc) che possono usufruire del parcheggio li a loro riservato”.

La proposta prevede anche di regolamentare diversamente la sosta all’interno dell’area ospedaliera: “Attualmente la difficoltà di cercare un parcheggio provoca una circolazione abnorme di auto che, non trovando posto,finiscono poi per parcheggiare anche lungo la strada e fuori dai parcheggi previsti – precisa il presidente del Tribunale per i Diritti del Malato – A nostro avviso è necessario, oltre che a ricavare un’ulteriore  area dedicata ai parcheggi, prevedere tre aree distinte per  la sosta, quella per i dipendenti, quella per gli utenti disabili/in trattamento sanitario continuativo/donatori e quella per i visitatori; per questa ultima se si vuole garantire un posto per tutti bisogna prevedere una sosta a tariffa per ora e frazione di ora come avviene nella maggior parte delle strutture ospedaliere. A garanzia del rispetto del regolamento di sosta, l’ASUR deve prevedere per esempio all’interno del portierato un servizio di chiamata per la rimozione dei veicoli. Infine ai due rappresentanti dell’Amministrazione comunale, il Tribunale per i Diritti del Malato , al fine di scoraggiare l’uso dell’auto, ha richiesto di instituire un servizio navetta che funzioni per collegare le varie zone della città al Carlo Urbani ovviamente con tariffe calmierate”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.