Ospedali sotto pressione, anche Fabriano attiva posti letto covid | Password Magazine

Ospedali sotto pressione, anche Fabriano attiva posti letto covid

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
FABRIANO – Nessun miglioramento in vista per il mese di marzo, con numeri di contagi ancora in crescita e strutture sanitarie al collasso, tanto da rendere necessaria l’apertura di posti letto covid anche all’ospedale di Fabriano, ancora covid free. Questo il quadro emerso durante la Conferenza dei Sindaci di Area Vasta 2 che ieri mattina ha chiamato al confronto i rappresentanti del territorio, la Direttrice Generale ASUR Dottoressa Nadia Storti e il Direttore di Area Vasta 2 Dottor Giovanni Guidi.
«Ho convocato la Conferenza per consentire ai sindaci della Provincia di avere gli aggiornamenti sull’andamento pandemico, sulla riorganizzazione degli ospedali per affrontare questa fase di aumento dei contagi e per sapere come procederà la campagna vaccinale dopo il blocco che c’è stato nei giorni scorsi – fa sapere il sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli -.Ancora fino a fine marzo non ci si aspetta un miglioramento apprezzabile soprattutto per quanto riguarda il numero dei malati accolti nelle strutture ospedaliere mentre il dato dei contagiati ogni 100 mila abitanti ha segnato un lieve miglioramento».

Secondo quanto riferisce il sindaco Santarelli, la prossima settimana dovrebbe partire in regione la campagna vaccinale anche per chi ha fatto la richiesta della domiciliazione.

«L’andamento delle categorie sottoposte a vaccino secondo quelle che sono le indicazioni Ministeriali dipenderà molto da come verranno riforniti i vaccini – spiega -. Nel pomeriggio sono andato a verificare la funzionalità della struttura vaccinale a Fabriano. L’organizzazione inizia ad essere rodata e sono sicuro che nei prossimi giorni verranno perfezionate tutte le procedure per consentire di creare meno disagi possibili».
Per il sindaco di Cerreto d’Esi David Grillini gli aspetti essenziali emersi dalla Conferenza dei Sindaci sono due:
«Il primo riguarda un abbassamento medio per la provincia di Ancona dell’incidenza dei positivi a circa 230, cioè sotto la soglia dei 250 per il periodo 8-18 marzo, a dimostrazione dei buoni effetti della zona rossa per la nostra provincia». E aggiunge: «Ci è stato comunque illustrato che dobbiamo aspettarci altri 10-15 giorni di sofferenza soprattutto dal un punto di vista delle criticità ospedaliere. A questo proposito l’ospedale di Fabriano ha visto l’apertura di 12 posti letto covid».
Per quanto riguarda il piano vaccinale: «Molti cittadini infatti sono disorientati per diverse ragioni – dice -.  Sono in arrivo i vaccini che serviranno per le persone che non sono in grado di deambulare e per questi la vaccinazione partirà la settimana entrante. Questi ultimi, non dovranno fare alcuna prenotazione perché l’Asur è già in possesso degli elenchi in quanto sono i soggetti esenti da ticket, verranno contattati telefonicamente e verrà indicato loro, in base alla patologia, le modalità e il luogo in cui verranno vaccinati». E infine: «E’ in corso di valutazione la possibilità per alcuni comuni di vaccinare in prossimità compatibilmente con le indicazioni che verranno dettate dal Commissario Straordinario e con le necessità della protezione civile e dei dipartimenti di prevenzione nell’individuazione di ampi spazi, coinvolgendo anche i medici di famiglia che hanno aderito».
.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.