Ostello delle idee, si rinnova l'impegno

JESI – Dal dicembre 2014 su incarico dell’Amministrazione comunale “Ostello delle idee” gestisce gli spazi comuni di Villa Borgognoni. La convenzione avrebbe dovuto scadere il 31 luglio 2015, ma l’Amministrazione ha chiesto il rinnovo, previa verifica con ProgettoJesi, nell’incontro tra congiunto tra l’associazione, il Sindaco e l’assessore Marisa Campanelli.

“Esordendo complimentandosi per il lavoro svolto in questi mesi, Bacci ha sottolineato il valore culturale delle nostre iniziative, la cura del luogo e, non ultimo, ha apprezzato molto il lavoro di gruppo che abbiamo saputo sostenere- dicono da Ostello delle idee – Un insieme di caratteristiche che, accompagnate dalla serenità e serietà delle relazioni tenute con i nostri referenti in Comune, ci colloca in un’area di completa affidabilità”.

Seduti in cerchio nel parco, i rappresentanti di tutte e cinque le associazioni hanno sottolineato:

1- la positività di questa esperienza come rete di associazioni, che con grande impegno hanno tentato di rendere la Villa aperta alla cittadinanza;

2- la potenzialità della struttura, dove coniugando accoglienza ed iniziative culturali si può creare  un polo attivo non solo localmente ed aprirsi al turismo di qualità internazionale. Realtà del genere esistono in altre città e intendiamo conoscerle meglio;

3- la necessità del bando di assegnazione della villa, che riapra le porte della recettività come ostello, sempre coniugata con la vocazione di bene culturale per la città.

“Il sindaco ha confermato questa intenzione, sottolineando di dover aspettare lo scioglimento di ProgettoJesi, che dovrebbe essere a dicembre e che, come in passato, la questione fondi da reperire è centrale e per questo l’Amministrazione conta di vendere dei lotti di terreni agricoli – puntualizzano – Noi, accettando questo rinnovo dell’impegno, abbiamo fatto richieste di ordine pratico che riguardano la cura ed i lavori da fare nella villa,  migliorando alcuni aspetti di facile attuabilità. Ci siamo salutati con una stretta di mano, come si faceva nei vecchi mercati, a stipulare patti tra le parti. Buon lavoro e buona fortuna”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*