Osvaldo Pirani a Colle Paradiso: "Ascolto e attenzione per tutti i quartieri" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Osvaldo Pirani a Colle Paradiso: “Ascolto e attenzione per tutti i quartieri”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ha fatto tappa anche a Colle Paradiso la serie di incontri di Osvaldo Pirani nei quartieri di Jesi. Nel piccolo circolo di Via Pio La Torre, il candidato a sindaco del Pd ha dapprima esposto i punti salienti del suo programma, per poi farsi raccontare dai presenti le criticità avvertite, le sensazioni e i punti di vista.

“Anche qui, come praticamente in tutti gli altri quartieri di Jesi, è emersa la realtà di una amministrazione spesso distante e poco propensa all’ascolto – si legge in una nota stampa – Il dito è come sempre puntato soprattutto contro la sciagurata pista ciclabile delimitata dal cordolo odiato tanto dai ciclisti che temono per la propria sicurezza, quanto dagli automobilisti che hanno difficoltà nel parcheggiare”.
Altre lamentele riguardano l’assenza di segnaletica orizzontale, c’è in particolare un incrocio molto pericoloso e per niente segnalato tra Via La Torre e Via Nenni, oltre alla mancanza di strisce pedonali. Il parco del Cannocchiale, uno spazio verde meraviglioso, soffre dell’incuria in cui versano le piante, della mancanza di ombra e della scarsa dotazione di giochi (appena uno in uno spazio immenso). Il gioco di bocce, che costituisce uno dei pochi elementi di aggregazione per gli anziani della zona, è trascurato e rovinato.

I residenti in questi anni più volte hanno segnalato queste criticità al Comune, ma senza risposta. Spesso, poi, anche gli interventi effettuati hanno sortito risultati deludenti, segno di approssimazione e mancato controllo da parte del Comune. Problemi simili, riscontrati in vari quartieri di Jesi, non richiedono certo interventi milionari, quanto piuttosto attenzione e ascolto.

In questo senso vanno in particolare due punti del programma elettorale di Osvaldo Pirani. Il primo punta sull’adesione al programma Labsus per la gestione condivisa dei beni comuni. Il progetto, come spiegato dal sindaco di Capannori Luca Menesini, intervenuto a Jesi la scorsa settimana, consentirebbe agli abitanti del quartiere di gestire direttamente, tramite convenzioni con il Comune, alcune strutture pubbliche, come ad esempio un gioco di bocce, in modo da tenerlo sempre in ordine e funzionante. Ci sono in tutti i quartieri di Jesi cittadini, in particolare pensionati, disposti ad impegnarsi in questo senso, ma serve da parte del Comune un regolamento che lo consenta.

Il secondo punto, altrettanto importante, riguarda i comitati di quartiere, che possono sopperire al vuoto lasciato dalle circoscrizioni, ma per funzionare bene il Comune deve garantire: trasparenza nelle regole, spazi destinati alle attività e soprattutto ascolto periodico delle istanze.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.