Otto cassonetti bruciati in centro, spunta l'ombra del dolo | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Otto cassonetti bruciati in centro, spunta l’ombra del dolo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Bruciati otto cassonetti della raccolta differenziata in piazza Pergolesi. L’origine dell’incendio è quasi senza dubbio dolosa. Potrebbe esserci forse la mano di un piromane dietro l’incendio scoppiato questa mattina intorno alle 6 ai danni dell’isola ecologica posta a fianco al complesso Corte Bettini. Ad accorgersi delle fiamme un dipendente della JesiServizi che ha fatto quel che poteva con un estintore, dopo aver dato l’allarme ai vigili del fuoco.

Esattamente una settimana (lunedì 17 dicembre), andava a fuoco un cassonetto della raccolta della plastica, andato completamente distrutto. Il sospetto è che possa trattarsi del gesto di un solo autore, tornato sul posto per completare l’opera. E in effetti, la maggior parte dei bidoni si sono liquefatti, divorati dalle fiamme, mentre due sono stati ridotti in modo irrecuperabile. I dipendenti di JesiServizi hanno poi caricato ciò che rimaneva su un furgone e trasportato tutto al Centro Ambiente di via XXIV Maggio. Sul posto sono poi arrivati i carabinieri per le indagini.

Quella dei cassonetti dei rifiuti a fuoco è una vicenda che ha interessato il centro storico anche a inizio anno, nel febbraio 2018. All’occasione, i carabinieri erano riusciti a risalire al piromane, rivelatosi un 53enne residente in zona.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.