Padre uccide a coltellate figlia 18 mesi. I vicini: "Sembrava un uomo normale" | | Password Magazine

Padre uccide a coltellate figlia 18 mesi. I vicini: "Sembrava un uomo normale"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
foto ANSA

ANCONA – Le ha trapassato il torace con tre coltellate, di cui un fendente fatale al cuore. Luca Giustini, 34 anni, macchinista delle ferrovie, ha massacrato così la figlioletta Alessia, di soli 18 mesi.

La tragedia è avvenuta ieri, dopo le 14, in un appartamento all’ultimo piano di una palazzina di Collemarino, frazione di Ancona. La bimba si trovava in culla: è lì che il padre l’avrebbe massacrata con violenza mentre la mamma, Sara Bedini, 32 anni, infermiera nell’ospedale regionale di Torrette, si trovava fuori, forse al mare, con l’altra bambina di 4 anni e mezzo e i propri genitori.

Non ci sono ragioni per comprendere cosa abbia spinto il giovane padre ad uccidere la piccola. C’è chi parla di raptus di follia, un impulso improvviso e incontrollato che in pochi attimi ha strappato via la vita alla piccola Alessia. Eppure, nessuno sa davvero spiegarsi cosa sia scattato nella mente di Giustini, un uomo descritto da vicini e conoscenti come apparentemente “normale”, mai particolarmente nervoso. Nessuno è a conoscenza di tensioni nella coppia, i problemi economici vengono esclusi. Qualcuno però, aveva notato che di recente l’uomo appariva stressato, e qualcun altro dice che la bimba piangeva spesso. Su Facebook le immagini di una famiglia unita e sorridente.

Sarebbe stato l’uomo ad avvisare la moglie al cellulare di quanto era accaduto: “Ho fatto un casino, è successo qualcosa di grave” le avrebbe detto. La donna si è precipitata a casa insieme al padre, che ha preso la bimba tra le braccia ed è sceso in strada, dove nel frattempo era arrivata un’ambulanza del 118.
Inutilmente i sanitari hanno cercato di rianimare la bimba sul posto, per Alessia non c’era più nulla da fare. Giustini è stato subito catturato dai carabinieri, che lo hanno portato via facendolo passare per il garage, sottraendolo così alla furia dei parenti, aggressivi anche nei confronti di giornalisti, fotografi e operatori assembrati davanti all’abitazione.

Sotto casa si è subito radunata una piccola folla di amici e parenti, che ha cercato di consolare la nonna materna della piccola, Daniela: “Alessia no, Alessia no…- ripeteva disperata – l’ho cresciuta io, povera creatura, era tutta insanguinata…”.

Giustini sarà interrogato in serata, probabile che dia lui una spiegazione per tanta follia. Le indagini sono condotte da polizia e carabinieri. Sul posto il pm di turno, Andrea Laurino, che non ha voluto rilasciare dichiarazioni ai giornalisti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.