Palazzina ex Asur, il sindaco: «Controlli e provvedimenti in presenza di attività illecite». | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Palazzina ex Asur, il sindaco: «Controlli e provvedimenti in presenza di attività illecite».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Durante lo scorso Consiglio comunale è stata posta l’attenzione sul Centro Sociale Tnt e la palazzina ex Asur di via Guerri. Ad incalzare sull’argomento e cercare chiarimenti è stato il consigliere di opposizione Marco Giampaoletti (Insieme Civico) tramite un’interpellanza.

«L’immobile – come si legge nel documento -ospita diverse realtà associative che avevano trovato una locazione temporanea dopo che la nevicata del 2012 ha fatto crollare il tetto della sede in Via Paladini rendendolo quindi inagibile».

Il consigliere ha segnalato attività non autorizzate tra quelle svolte nella palazzina come cene, sport o musica chiedendo alla giunta se sono state effettuate verifiche in merito e inoltre, visto che l’immobile potrebbe essere venduto, ha proposto di valutare lo spostamento della Polizia Locale o di alcuni uffici comunali ad esempio quelli al terzo o quarto piano essendoci barriere per disabili.

A rispondere è stato il sindaco Bacci il quale ha spiegato come la palazzina, con l’amministrazione Belcecchi, era stata affidata alla società partecipata Progetto Jesi per essere poi venduta con un valore di circa 1.9 milioni di euro. Non essendo arrivata però nessuna offerta e con la liquidazione di Progetto Jesi l’immobile è tornato di proprietà del comune nel 2017.

Le associazioni hanno quindi chiesto di sottoscrivere un regolare contratto di assegnazione per una maggiore tutela. L’amministrazione ha accolto questa iniziativa avviando un percorso per stipulare un contratto di comodato d’uso contenente la clausola di restituzione dopo l’approvazione del nuovo regolamento comunale sulla concessione degli immobili pubblici.

«Attraverso il regolamento – ha detto il primo cittadino- si cerca di mettere tutte le associazioni sullo stesso piano in quanto la situazione che abbiamo trovato era al limite con l’abusivo».

«Per quanto riguarda le attività illecite, – ha rassicurato il sindaco- verranno effettuate tutte le dovute verifiche con gli uffici comunali competenti e con la polizia Locale. Nel caso quello segnalato fosse vero verranno presi seri provvedimenti. Sul tema dello spostamento degli uffici, l’idea è buona ma anche quella palazzina ha bisogno di una seria ristrutturazione e attualmente le risorse per farlo non ci sono».

Il consigliere Giampaoletti non essendosi ritenuto soddisfatto della risposta ha incalzato: «Non si può dire sempre che non ci sono i soldi e quindi non si fa nulla, è necessario trovare una soluzione alternativa. La palazzina allo stato attuale non si sa come viene utilizzata e se le attività svolte sono regolari o abusive. Mi auguro vengano svolti al più presto i dovuti controlli». (em.sa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA 🙂

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.