Palazzo dei Convegni gremito per il primo confronto tra candidati | | Password Magazine

Palazzo dei Convegni gremito per il primo confronto tra candidati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Solo posti in piedi ieri pomeriggio per il primo confronto tra i sei candidati a sindaco organizzato dal Centro Studi Calamandrei e diretto dal suo presidente Gian Franco Berti. Tanta la carne sul fuoco per un confronto incentrato sulla cultura, sul turismo, sull’industria e anche sul ballo delle statue. “Recuperare aree di produzione, pensare in ottica sovralocale anche in termini di turismo” la vision del sindaco uscente Massimo Bacci che ha aperto le danze seguito da Silvia Gregori (Lega Nord) che invece ha parlato di “un’officina delle arti, per riscoprire antichi mestieri” e puntato il dito sui “locali mangia e bevi che hanno snaturato via Pergolesi”. “Coinvolgere le realtà locali, convinto che fino ad ora si sia fatto poco” è stata la posizione di Massimiliano Lucaboni (Libera Azione), seguito da Samuele Animali (Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra): “La cultura è al primo posto nel nostro programma. Ampliare la città verso la periferia? Io direi di recuperare. – E sull’industria – Jesi non è mai stata la piccola Milano e non sarà la piccola Torino perché il comparto produttivo è diverso, sviluppiamo le peculiarità di Jesi non copiando esempi sbagliati. Gli effetti della crisi si dovranno sentire, il fallimento di Banca Marche avrà ripercussioni su molte aziende”. “Programmare investimenti e interagire con la Vallesina” la posizione di Osvaldo Pirani (Partito Democratico), “Trasparenza e partecipazione” i punti cardine di Luca Bertini (Cinque Stelle). Sul ballo delle statue, definita “arma di distrazione da ben altri problemi della città”, tutti contrari allo spostamento ad eccezione di Bacci, ci sarà modo di tornarci il 9 maggio in occasione del secondo confronto pubblico organizzato dal Comitato Nessuno tocchi Pergolesi. Sull’Università Pirani ha sottolineato il grande lavoro fatto, Bacci ha parlato di “scelte infelici, dare continuità è un problema” e Animali ha concluso dicendo “le sedi prolungate di quelle già esistenti hanno vita breve se non le si ripensa come polo culturale che va oltre Macerata, altrimenti quella jesina si estinguerà per mancanza di fondi”. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.