Palazzo Santoni ospita il nuovo microcosmo di natura della pittrice Morena Chiodi | | Password Magazine

Palazzo Santoni ospita il nuovo microcosmo di natura della pittrice Morena Chiodi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sabato 24 gennaio alle ore 19, l’agenzia Jes! inaugura, a Palazzo Santoni, la prima esposizione prevista per il 2015 con la personale della pittrice Morena Chiodi dal titolo Non aspettarmi, la notte sarà nera e bianca in collaborazione con la galleria d’arte contemporanea Gasparelli di Fano, testo critico di Simona Cardinali.

Per definire la poetica di Morena Chiodi, caratterizzata dalla specificità di un segno tra il grafico e il pittorico che è generatore di un «agglomerato biomorfo organico – estetico», universo di gemme e insetti, Simona Cardinali parte dal concetto cinquecentesco di microcosmo di natura, con cui l’etnologo e naturalista Ulisse Aldrovandi era solito chiamare la propria raccolta di reperti del mondo naturale e di acquerelli raffiguranti animali, piante e minerali.

«Un nuovo microcosmo di natura è quello che ci presenta Morena Chiodi, dove una visione artistica ha deciso le sorti di tutte le sue parti. Gli elementi della natura, che tanti anni prima erano stati scoperti, raccolti ed esposti, ora prendono vita [..]» scrive la curatrice del testo. Ma questo microcosmo è solo un punto di partenza, un tramite per «sfondare quel confine sottile tra gli opposti, prerogativa della condizione umana». Così, nella natura, si risolve il divario tra il bene e il male, e nella dimensione sospesa delle opere di Morena Chiodi la notte sarà nera e bianca.

Sarà la professoressa Rosa Maria Albino, già curatrice di mostre e fidato riferimento per tanti giovani artisti ad avvicinarci, durante il vernissage, al linguaggio e alle opere di Morena Chiodi.

La mostra, che resterà aperta fino a sabato 14 febbraio, continua a mettere a fuoco un concetto caro alla direzione artistica di Jes!: quello di «sconfinamento», questa volta inteso come dialogo tra professionalità creative e linguaggi artistici contemporanei.

Durante il vernissage di sabato infatti sarà presente anche Fatma Ibrahimi, artista e tatuatrice albanese che nei giorni seguenti, trasformerà un particolare delle opere di Morena Chiodi in un tattoo che sarà assegnato a un fortunato vincitore attraverso un invito rivolto ai presenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.