Palio di San Floriano, da domani la città si tuffa nel Medioevo | | Password Magazine

Palio di San Floriano, da domani la città si tuffa nel Medioevo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Al via domani il Palio di San Floriano. Ad aprire la maxi 23esima edizione del Palio sarà come da tradizione la Scampanada di San Florià nel giorno 4 maggio, dedicato proprio alle celebrazioni del Santo.

Cultura e tradizione si mescoleranno nel magico tintinnìo delle campanelle: attesi centinaia di bambini per il corteo che dalle 16.15 procederà da Piazza Federico II fino alla Chiesa di Palazzo Mereghi.

Quattrocento le campanelle in ceramica che, nei giorni scorsi, l’Ente Palio ha donato e distribuito alle classi prime della scuole elementari della città: “Solo eventi e iniziative gratuiti per la città perché crediamo nella valorizzazione e tutela della nostra cultura e dell’identità” sono le parole di Matteo Giampieri, presidente dell’Ente Palio San Floriano. Un’associazione basata sul volontariato, senza scopro di lucro, che reinveste le risorse nella realizzazione della manifestazione e nelle attività sociali ad essa connesse.

“Il Palio di San Floriano è un evento che coinvolge una rete di 1000 volontari e circa 60 associazioni  – aggiunge il vice presidente Matteo Baleani, durante la conferenza di presentazione del programma – Le dimensioni di questa manifestazione, la sua oganizzazione e il piano di sicurezza, rendono Jesi una grande città a tutti gli effetti, dove più realtà, in sinergia, sono capaci di creare qualcosa di unico”.

Sabato 5 maggio, in piazza delle Monnighette, avverrà la cerimonia di riconsegna del pallio dal Comune di Jesi, vincitore della 22esima edizione, all’associazione che lo rimetterà in gioco durante le competizioni del prossimo week end. In giornata sarà inaugurata nella Galleria di Palazzo dei Convegni, la Mostra fotografica a cura del Circolo Fotografico Massimo Ferretti “Gli sport della Vallesina”, che sarà fruibile anche l’indomani (domenica 6 maggio) e per tutta la durata del Palio. Alle ore 22.00, in piazza delle Monnighette ci sarà il concerto rock medievale dei “I Brutti di Fosco”, in collaborazione con l’Hemingway Cafè.

Domenica 6 maggio (9.00-13.00) si svolgerà a Palazzo dei Convegni il Concorso di Pittura Giù per Sant’Anna mentre mentre, alle ore 17.30, presso la sala didattica del Museo Stupor Mundi l’associazione Falconieri Federico II organizzerà un convegno di falconeria dal titolo “Federico e Costanza, magia, immagini e parole sulla coppia di falchi dell’Imperatore”, raccontando l’esperienza vissuta a contatto con i due falchi pellegrini che vivono sul campanile del complesso San Floriano, nella piazza dove nacque l’Imperatore.

Giovedì 10 maggio si entrerà nel clou della manifestazione: taverne aperte (otto dislocate nel centro storico), l’annuncio dell’araldo, cortei. Alle ore 18, presso il Palazzo dei Convegni il convegno storico scientifico “Chiese scomparse e luoghi dimenticati nella Jesi del MedioEvo”. 

Da venerdì 11 maggio, Mercatino medievale di Piazza Indipendenza e Piazza Spontini con una quindicina di espositori, le competizioni tra quartieri e tra Comuni per la conquista del pallio, la sfilata dei sindaci della Vallesina, spettacoli ed esibizioni dei gruppi storici, i fuochi d’artificio finali in piazza Baccio Pontelli.

Intanto sono già in vendita i biglietti per la Lotteria del Palio di San Floriano, parte del ricavato sarà devoluto in beneficenza alla Caritas.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.