Palio mai così coinvolgente, iniziative spontanee invadono Jesi e gli altri comuni

JESI – Iniziato venerdì scorso con il Pre-Palio, partirà oggi la rievocazione vera e proprio della 24esima edizione del Palio di San Floriano. Oltre al ricchissimo programma, la manifestazione è riuscita quest’anno a coinvolgere come non mai varie attività di Jesi e i comuni della Vallesina.

Alcuni negozi della città vedranno titolari o dipendenti vestiti in maniera medievale durante il weekend. La profumeria Harmony, al lato della chiesa di San Nicolò, offrirà per tutto il periodo uno sconto speciale sulla bigiotteria per avere un accessorio in più adatto alla manifestazione. La Pasticceria Zoppi ripropone aperitivi con i “cavalieri” come torna a promuovere la torta San Floriano. Al Caffè Arcobaleno, bar del Centro Commerciale Arcobaleno, con l’aperitivo avremo in “omaggio” anche un libretto del Palio, ormai quasi introvabile in città. Cibariando, proporrà serate particolari in onore della manifestazione, altre attività propongono cacce al tesoro medievali, mentre i locali aderenti (Le Tre Botteghe, Gatto Matto e il Ristorantino del Circolo Cittadino) aggiungono piatti di altri tempi ai loro menù e sono diversi i ristoranti che stanno facendo la stessa cosa a partire da quelli del circuito Jentlemen’s. Addirittura la nutrizionista health coach Letizia Saturni, per questo periodo, darà tramite i suoi canali dritte sull’alimentazione medievale. Coinvolte le scuole con maestre che fanno realizzare agli studenti laboratori creativi collegati alla manifestazione, non solo a Jesi.

Alunni di San Marcello

Ma non finisce qui perchè di ora in ora si moltiplicano le iniziative spontanee in città il tutto mentre questa sera, dopo anni, un evento legato al Palio verrà realizzato fuori dal centro, esattamente presso il teatro “Il Piccolo” di San Giuseppe dove andrà in scena “Il Giuramento di Trasmondo” evento inserito nella rassegna del Club degli Autori Jesini, arricchito poi dai figuranti dell’Ente Palio.

Ma non solo a Jesi. Questa “influenza” supera i confini della città e invade i “castelli”. Mai tanti atleti infatti si erano iscritti alle competizioni. Praticamente quasi al completo, con  22 arcieri di altrettanti comuni della Vallesina, la gara di tiro con l’arco mentre la rinnovata corsa della campana fa registrare una partecipazione sopra la media. Influenzate le taverne con la prima nella storia realizzata dal comune di Belvedere Ostrense tramite la collaborazione di alcune sue associazioni. Diversi sono stati gli amministratori che, negli scorsi giorni, comunicavano sui social la ricerca di atleti per partecipare ma in questa edizione si è andati oltre con il comune di Morro D’Alba che, tramite il suo canale istituzionale, ha pubblicato una locandina promozionale invitando i cittadini a partecipare e tifare per il proprio comune, chiamando il Palio di San Floriano non come manifestazione jesina ma dei Castelli di Jesi.

Intanto, tra pochissimo, l’araldo banditore darà il via al Palio leggendo il “proclama” nelle varie piazze della città.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*