Palio San Floriano di Jesi, dieci giorni immersi nella "medieval experience" | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Palio San Floriano di Jesi, dieci giorni immersi nella “medieval experience”

JESI – Grandi novità quest’anno per il tradizionale Palio di San Floriano che coinvolgerà tutto il centro storico dal 4 al 13 maggio.

Ben dieci giorni di kermesse: un’idea che già da un po’ balenava nelle menti degli organizzatori del Palio, in particolare del Presidente dell’Ente palio san Floriano Matteo Giampieri, affiancato stamattina dal vice Matteo Baleani, dal segretario Chiara Cascio, in rappresentanza del Direttivo, e da Ilenia Cartuccia del Comitato Regia. Grande novità di quest’anno è il “Palio Experience”, una sorta di pre-palio che esordirà con la “Scampanada de San Fiorà” di venerdì 4 maggio (ore 16.15) e che traghetterà la città fino al Palio di San Floriano a partire da giovedì 10 maggio.

Il Palio Experience si è conquistato una brochure a parte perché denso di eventi e chicche: “Abbiamo pensato di realizzare un flyer appositamente dedicato per fare anche più chiarezza e che affiancherà il tradizionale libretto  – commenta il presidente Giampieri – All’interno, a guidare i visitatori nell’esperienza Palio ci sarà una cartina del centro storico di Jesi per far vivere al meglio l’evento, il programma dettagliato della rievocazione storica; la “Medieval Taste Experience” con un elenco di ristoranti in cui poter gustare una prelibatezza medievale per tutti i 10 giorni e la “Jesi Medieval Experience”, un elenco di siti interessanti di Jesi da visitare e i vari musei che saranno fruibili a prezzi speciali e con orari prolungati”.

Per quanto riguarda i siti di interesse storico, si va dal quartiere ebraico (tra Vicolo Fiorenzuola e Via Fiorenzuola) agli scavi di Piazza Colocci; per quanto riguarda, invece, i musei – disponibili nella brochure anche dei coupon per l’entrata a sprezzi ridotti –  si fa riferimento ai Musei Civici (via XV settembre, 10), allo Studio per le arti della stampa (via valle, 3), la Biblioteca Planettiana (Piazza Colocci), al Museo Diocesano (Piazza Federico II) e al Museo Stupor Mundi (Piazza Federico II).  Per quanto riguarda invece la Medieval Taste Experience, gli esercizi commerciali aderenti proporranno nel loro menù una specialità medievale, disponibile durante i giorni della kermesse. Sono: il Ristorantino del Circolo Cittadino (Crema Medievale); Birreria Sant’Agostino (Artù); Antiche Cantine del Porticello (Far et Felicitas); Rosso intenso (Bourbelier di carne); Gatto Matto (Ambrogino di Pollo); Jack Rabbit (Cinghiale in agrodolce); Caffè Imperiale (Medaglioni Medievali) e Con Gusto (Ricetta Medievale).

Sabato 5 maggio ci sarà la riconsegna del pallio, il vessillo di San Floriano, che il Comune di Jesi, vincitore dell’edizione precedente del Palio, restituirà all’associazione per essere rimesso in gioco la settimana seguente. In giornata sarà inaugurata nella Galleria di Palazzo dei Convegni, la Mostra fotografica a cura del Circolo Fotografico Massimo Ferretti “Gli sport della Vallesina”, che sarà fruibile anche l’indomani (domenica 6 maggio) e per tutta la durata del Palio. Alle ore 22.00, in piazza delle Monnighette ci sarà il concerto rock medievale dei “I Brutti di Fosco”, in collaborazione con l’Hemingway Cafè.

Domenica 6 maggio (9.00-13.00) si svolgerà a Palazzo dei Convegni il Concorso di Pittura Giù per Sant’Anna mentre mentre, alle ore 17.30, presso la sala didattica del Museo Stupor Mundi l’associazione Falconieri Federico II organizzerà un convegno di falconeria dal titolo “Federico e Costanza, magia, immagini e parole sulla coppia di falchi dell’Imperatore”, raccontando l’esperienza vissuta a contatto con i due falchi pellegrini che vivono sul campanile del complesso San Floriano, nella piazza dove nacque l’Imperatore.

«Il palio unisce la Vallesina – esordisce il vice presidente Matteo Baleani –  Sono attese più di 1600 persone, tra volontari,  staff organizzativo e operatori, figuranti e gruppi ospiti».  E dopo il week end di anteprima, giovedì 10 maggio si entrerà nel Palio vero e proprio, con apertura delle taverne (otto quest’anno, operative da giovedì a domenica, dalle ore 18.00 alle 24.00), il convegno storico scientifico, il Mercatino medievale di Piazza Indipendenza e Piazza Spontini con una quindicina di espositori (da venerdì), le competizioni tra quartieri e tra Comuni per la conquista del pallio, la sfilata dei sindaci della Vallesina, spettacoli ed esibizioni dei gruppi storici, i fuochi d’artificio finali in piazza Baccio Pontelli.

Insomma, «una festa per celebrare il centro storico e valorizzare le tradizioni del nostro passato» come ha spiegato Ilenia Cartuccia del Comitato Regia.

«Il Palio è da sempre un ‘esperienza imponente per la città – commenta Chiara Cascio, segretario dell’Ente Palio e ed ex presidente  – e quest’anno, essere riusciti a raddoppiarla, sia in termini di eventi che di giorni, è stato possibile soltanto grazie alla collaborazione, in primis, di tutta l’amministrazione comunale, e poi di tutti i volontari che hanno messo anima e corpo in questo immenso lavoro ».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.