Palloncini bianchi volano in cielo per Alice: “Pensatela sempre con voi”

JESI – Addio piccolo angelo. I tuoi occhi azzurri si sono chiusi troppo presto. Non avevano ancora avuto la possibilità di vedere il bello del mondo. Di godere del primo dentino. Del primo giorno di scuola. Del problema dell’Università da scegliere. “Non ci sono parole”, ha detto Don Giuliano, in una gremita Chiesa di San Giuseppe questo pomeriggio per l’addio ad Alice, la bimba di 6 mesi venuta tragicamente a mancare giovedì scorso, mentre la famiglia si trovava in vacanza a Vieste.
Una crisi cardiorespiratoria aveva trasformato quei giorni di serenità in una corsa all’ospedale. La piccola, portata alla clinica Padre Pio di San Giovanni Rotondo, si era inizialmente ripresa. Aveva espresso la sua paura tramite quel pianto liberatorio. Poi però sono sopraggiunte delle complicazioni, derivate da un’anomalia congenita del suo piccolo cuore, sconosciuta ai genitori. E così quel cuoricino ha smesso di battere per sempre.

Dolore immenso per i genitori, mamma Stefania e papà Marco, affranti, circondanti dallo strazio di un’intera città.
C’erano parenti e amici, nonno Gilberto, noto nel mondo dello sport, ma anche altri cittadini accorsi semplicemente per far sentire la propria presenza alla famiglia. La piccola bara bianca è avanzata tra la folla, in un silenzio assordante. Poi l’ultimo saluto tra lacrime e singhiozzi. “Tutto quello che cade, può ricominciare– ha detto Don Giuliano. – Dio crescerà la piccola Alice. Lei è viva con lui”. Palloncini bianchi in cielo hanno spiccato il volo, inseguendo Alice, un angelo di speranza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*