Panifici e Pizzerie, obbligo di filtri se il forno è a legna | | Password Magazine

Panifici e Pizzerie, obbligo di filtri se il forno è a legna

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Le attività produttive di panificazione e ristorazione, incluse pizzerie e gastronomie, che si avvalgono di forni a legna debbono essere dotate di idonei sistemi di abbattimento delle polveri sottili nei fumi.

Lo dispone una nuova ordinanza del sindaco che dà seguito a quanto deciso dal Consiglio comunale in materia di provvedimenti da adottare per ridurre tali inquinanti nell’aria. Per questo motivo, l’ordinanza in oggetto dispone il divieto di combustione di biomasse legnose per la cottura dei cibi in apparecchiature varie – inclusi i forni chiusi o aperti ed i foconi per le griglie – sprovvisti di tali apparecchiature che devo essere realizzate secondo le migliori tecnologie disponibili, così da garantire un abbattimento almeno dell’80% delle emissioni di polveri. Debbono inoltre essere dotate di una presa fiscale a monte ed una a valle per eventuali controlli. Sono momentaneamente escluse dall’ordinanza le attività che presentino domanda di accesso ai contributi  previsti dal Comune ai fini dell’adeguamento degli apparecchi in loro possesso (scadenza bando a fine mese) e quelle in possesso di ordine di acquisto di un sistema di abbattimento polveri.

L’ordinanza impone anche che entro il 30 giugno prossimo le attività che abbiano proceduto all’adeguamento dei sistemi di cottura a biomassa, ad esclusione dei soggetti assegnatari dei contributi comunali, trasmettano agli uffici comunali idonea documentazione sul filtro installato allegando dichiarazione rilasciata dal produttore o installatore  relativa al potere di abbattimento del particolato presente nei fumi di combustione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.