Pannolini lavabili negli asili comunali anziché usa e getta

JESI – Il 10% dei rifiuti che finiscono in discarica è costituito da pannolini per bambini usa e getta (fonte Rapporto Rifiuti Regione Marche, anno 2012). Ogni bambino produce all’incirca 4.500 pannolini, che corrispondono ad una tonnellata di rifiuti non biodegradabili, con un consumo di cellulosa pari a circa 10 grandi alberi. Il loro tempo di decomposizione varia da 200 a 500 anni, la loro degradazione rilascia nell’ambiente sostanze chimiche nocive.

Partendo da queste premesse e nell’ottica di ridurre ulteriormente il quantitativo di rifiuti da portare in discarica, la Giunta ha deciso di introdurre l’impiego di pannolini lavabili negli asili nido comunali. L’avvio interesserà le due strutture pubbliche dell’infanzia Oasi e Romero, sarà su base volontaria ed in forma sperimentale per i primi tre mesi del prossimo anno scolastico, dunque dal 1° settembre al 30 novembre. La scelta di avviare una prima fase in forma sperimentale nasce dal confronto partecipativo e di sensibilizzazione avuto sia con il personale dei nidi comunali che con le famiglie. Al termine del periodo di prova verrà effettuato un monitoraggio con un questionario di gradimento finalizzato a valutare il grado di soddisfazione delle famiglie, rispetto al quale poi l’Amministrazione Comunale deciderà l’eventuale introduzione stabile del progetto.

I benefici dell’uso di pannolini lavabili anziché di quelli usa e getta possono riscontrarsi anche sulla salute del bambino, in quanto consentono una migliore traspirazione delle zone genitali, mantengono la posizione ottimale per il corretto sviluppo dell’articolazione delle anche e migliorano la percezione delle funzioni fisiologiche.

Oltre ai benefici sull’ambiente e sulla salute dei più piccoli, tale intervento consentirà, a regime, di risparmiare 25 mila euro di spese all’anno per il Comune nella fornitura di pannolini ai propri nidi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*